Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Cesare Battisti
Cesare Battisti
UNA ‘GIORNATA DELLE VITTIME DIETRO LE SBARRE’, L’IDEA DI CHEIKH, DETENUTO QUALUNQUE

24 settembre 2023: Riceviamo questa lettera dal carcere di Parma e la pubblichiamo in questa settimana di settembre segnata – come ci ricorda la benemerita associazione “Ristretti Orizzonti” – da altri due suicidi, uno nel carcere di Sassari e l’altro in quello di Terni. Si aggiungono alla lista di quest’anno già funestato da 53 suicidi. Altri 66 detenuti sono morti in carcere per cause dette “naturali” (semmai è possibile definire tale quel che avviene in un luogo di pena, votato alla malattia, al dolore e alla sofferenza). La proposta di istituire la “Giornata delle vittime dietro le sbarre” ci è stata recapitata da un “detenuto noto” ma è stata concepita da un “detenuto ignoto”. Occorre pure ricordare che, nei luoghi di privazione della libertà e, spesso, della dignità umana, a perdere la vita non sono solo i detenuti, ma anche i “detenenti” come diceva Marco Pannella, ispirato com’era da una visione del carcere quale posto abitato da una “comunità penitenziaria”, composta da un insieme, non da una somma, di parti, certo, diverse ma per lui e per noi mai da contrapporre. La lettera viene dal carcere di Parma, dove poche settimane fa è avvenuto un fatto molto triste che voglio ricordare. È venuto a mancare il Comandante Nicolino Di Michele, una perdita non solo per la sua famiglia ma anche per la comunità penitenziaria. Avendolo conosciuto, lo ricordo come un serio e professionale servitore dello Stato, testimone autentico del motto fondativo della polizia penitenziaria: despondere spem munus nostrum. Colgo l’occasione per fare, anche pubblicamente, ai suoi cari e ai suoi colleghi le mie personali e dei miei compagni più sentite condoglianze. (Sergio D’Elia su L'Unità del 24 settembre 2023)


Cesare Battisti

Cheikh è un senegalese alto 2 metri e un sorriso che gli prende la metà della faccia. È così che si è presentato davanti alla mia cella oggi pomeriggio, giusto prima della conta. Ma nello sguardo aveva un’ombra di tristezza. A dirla tutta, era già da qualche giorno che non sentivo la sua risata risuonare nel corridoio. Ma il carcere è così, alti e bassi improvvisi e le ragioni sono sempre troppo complicate da spiegare. È rimasto zitto qualche istante, con la fronte nascosta dietro la parte superiore del cancello. Io mi sono avvicinato e lui ha chinato il capo. Intuivo che aveva qualcosa di serio da dirmi, era la prima volta che si interessava a me, oltre al solito buongiorno. Gli ho chiesto cosa aveva.
Ha detto di un parente che si è tolto la vita in un carcere del Sud, “una persona a posto”, non se lo sarebbe aspettato. “Finora ne sono morti tanti in carcere” ha cominciato a dire, “ma uno pensa sempre che siano poveretti con chissà quali problemi in testa, persone senza speranza. Adesso, invece, so che potrebbe toccare a chiunque e non ci dormo più. Tutte queste persone che muoiono e soffrono per niente, i familiari, ma non interessano a nessuno... Non ci avevo mai pensato prima, non così. Basterebbe un gesto, poca cosa, a farci sentire anche noi e i nostri ancora parte di questo mondo”.
Chi non ha mai visto questo ragazzone, sempre ben disposto e spensierato, troverebbe normali le sue preoccupazioni. Insomma, si tratta pur sempre di un carcerato. Ma a me Cheikh ha destato curiosità. Non capita tutti i giorni di sentire un detenuto esprimere preoccupazioni che vadano oltre la propria vicenda giudiziaria. Così l’ho incoraggiato a continuare.
“Voglio dire, vedi, ci sono tante donne morte ammazzate, e giustamente fanno il giorno della donna, poi ci sono i poliziotti e allora si fa quello dei poliziotti, c’è anche la giornata degli animali ed è giusto commemorare anche loro. Serve a far capire, a dare forza a tutti per lottare contro le ingiustizie. Ma allora perché, tu che leggi tanto, non parli a qualcuno per fare anche la giornata del detenuto? Non sto dicendo dei criminali, ma di chi soffre e muore in galera”.
Una giornata per commemorare e condividere le sofferenze di chi piange un amico o un parente morto dietro le sbarre. È di questo che stava parlando Cheikh Niang. Lì per lì, sono rimasto interdetto e lui se n’è andato dondolando la sua testa ad alta quota. Mentre io cominciavo a fare avanti e indietro per la cella e non avrei più smesso se non mi fossi deciso a raccontarlo a qualcuno: e se fosse una proposta sensata?
Racconto questo episodio realmente accaduto e lo trasmetto tale e quale, perché credo sia il miglior modo per veicolare il messaggio o suggerire l’idea a coloro che la volessero prendere in considerazione: istituire la “Giornata delle vittime dietro le sbarre”. Mi rendo conto che il mio nome, di fronte a una simile iniziativa, potrebbe suscitare qualche perplessità in alcune istanze pubbliche. Per questa ragione, ci tengo a dire: non è mia, la proposta è di Cheikh Niang, senegalese dallo sguardo triste e il sorriso grande, detenuto nel carcere di Parma.

Altre news:
TAIWAN: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DEI FAMILIARI
USA - Florida. Entra in vigore domani la controversa legge HB 1297
IRAN - Mohammad Bagher Bazgir e Sasan Farzipour giustiziati a Khorramabad il 30 settembre
PAOLA-COSENZA: 29 E 30 SETTEMBRE VISITA ALLE CARCERI E CONFERENZA
USA - Texas. Scott Panetti “non competente” per l'esecuzione
SRI LANKA: 13 CONDANNATI A MORTE IN UN SOLO GIORNO
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE DONNE 
REGGIO CALABRIA: 26 E 27 SETTEMBRE VISITA ALLE CARCERI E CONFERENZA
IRAN - Jafar Ghaed giustiziato ad Ahar il 27 settembre
IRAN - 2 uomini giustiziati a Karaj il 27 settembre
IRAN - Ali Najafi e Bahram… giustiziati a Karaj il 27 settembre
IRAN - Ali Najafi, probabilmente un minorenne, giustiziato a Khorramabad il 27 settembre
VIBO VALENTIA: 28 SETTEMBRE VISITA AL CARCERE E CONFERENZA ‘REINSERIRE È MEGLIO CHE PUNIRE’
INDIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN UN CASO DI STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA 
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA DOPO LO STUPRO
IRAN - 4 condanne a morte per produzione clandestina di alcolici
IRAN - Askar Nami giustiziato a Tabriz il 26 settembre
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - Mostafa Khosh Shaneh e Saeed Brahui Makaki giustiziati a Mashhad
IRAN - Morte di un prigioniero ebreo con cittadinanza iraniano-americana
VIETNAM: GIUSTIZIATO NONOSTANTE GLI APPELLI INTERNAZIONALI
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO DELLA FIGLIA
PALMI- LAUREANA: LUNEDÌ 25 SETTEMBRE VISITE ALLE CARCERI E CONFERENZA
CARCERE: NESSUNO TOCCHI CAINO, CONTINUA IL VIAGGIO DELLA SPERANZA NEI LUOGHI DI PENA IN CALABRIA
LA CARTA DI DESANTIS CONTRO TRUMP: IL MIO BOIA È PIÙ BOIA DEL TUO
IRAN - Mohammad Vali Jabari giustiziato a Isfahan il 23 settembre
IRAN - Khairallah Jamshidi giustiziato a Minab il 23 settembre
IRAN - Uomo giustiziato a Minab il 23 settembre
ITALIA - AMMMORTE, libro di Rita Vitali Rosati
IRAN - Rahmatollah Nouruzof condannato a morte per terrorismo

1 2 3 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits