Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - KHRN
IRAN - KHRN
IRAN - Rapporto annuale della Rete per i Diritti Umani del Kurdistan (KHRN)

5 aprile 2024:

05/04/2024 - IRAN. Rapporto annuale della Rete per i Diritti Umani del Kurdistan (KHRN)
Questo rapporto tratta delle violazioni dei diritti umani dei civili curdi in Iran durante l'anno iraniano 1402 (21 marzo 2023 - 19 marzo 2024). Come negli anni precedenti, i diritti del popolo curdo hanno continuato a essere violati a causa della loro lingua, religione, cultura, sesso, orientamento sessuale, classe e affiliazione politica dalle leggi discriminatorie della Repubblica islamica e dalle repressioni violente delle sue istituzioni di sicurezza, militari, giudiziarie ed esecutive.
In varie sezioni di questo rapporto, sono state raccolte statistiche riguardanti l'uccisione e il ferimento di kolbar (portatori di montagna), l'esecuzione di pene capitali, i prigionieri politici e religiosi curdi a rischio o condannati a morte, il femminicidio, la morte di civili a causa di esplosioni di mine e incidenti sul posto di lavoro, la convocazione e la detenzione di civili e attivisti curdi per motivi politici, l'emissione di sentenze contro civili e attivisti curdi per accuse politiche, la libertà di religione e di credo e la pressione sulle famiglie dei manifestanti uccisi.
Nonostante gli sforzi del Kurdistan Human Rights Network (KHRN) per informare e documentare numerosi casi di violazione dei diritti umani in Kurdistan, è importante sottolineare che le statistiche e le informazioni presentate in questo rapporto includono solo i casi che sono stati confermati e pubblicati dal KHRN o, nel caso in cui vengano utilizzate notizie e informazioni provenienti da altre fonti, il KHRN ne ha verificato indipendentemente l'autenticità. Ciononostante, riteniamo che questo rapporto non comprenda tutti i casi di violazione contro le persone curde in Iran, e senza dubbio esistono molti altri casi in cui le persone e le famiglie non sono state in grado di parlare a causa di varie ragioni, tra cui la pressione delle istituzioni di sicurezza, e non sono state evidenziate dai media o dalle organizzazioni per i diritti umani.

Arresti
Lo scorso anno, almeno 650 civili e attivisti curdi sono stati arrestati per motivi politici dalle forze di sicurezza o dalle istituzioni giudiziarie della Repubblica islamica dell'Iran in diverse città delle province di Ilam, Azerbaigian Occidentale, Kurdistan, Kermanshah, Teheran, Azerbaigian Orientale, Khuzestan, Razavi Khorasan e Mazandaran. Il maggior numero di arresti è avvenuto nell'Azerbaigian Occidentale, seguito dalle province del Kurdistan, Kermanshah e Ilam.
Mentre alcune di queste persone sono state temporaneamente rilasciate su cauzione dopo un periodo di detenzione, altre rimangono in custodia e alcune sono state trasferite in carcere per scontare la loro pena.

Sentenze
Lo scorso anno, almeno 170 civili e attivisti curdi hanno ricevuto verdetti da tribunali rivoluzionari, penali e clericali speciali nelle province dell'Azerbaigian Occidentale, del Kurdistan, di Kermanshah, Ilam, Teheran, Hamadan, Mazandaran, Razavi Khorasan, Azerbaigian Orientale e Khuzestan. Questi verdetti includevano la pena di morte, il carcere, la sospensione delle pene detentive, la fustigazione, l'esilio, le multe pecuniarie, la revoca dello status clericale, il divieto di lasciare il Paese, il licenziamento e altro ancora. [...]

Libertà di religione
Durante questo periodo, almeno 16 chierici e attivisti curdi sunniti e sei attivisti curdi yarsan sono stati convocati, detenuti, condannati o giustiziati dalle forze di sicurezza o dalle istituzioni giudiziarie in varie città. [...]

Kolbar
(Con il termine kolbar (o kolber) si indica un portatore di etnia curda, a volte legale (“transfrontaliere”), a volte illegale (“contrabbandiere”), che trasporta sulla schiena mercanzie sui percorsi di montagna che marcano le frontiere che frantumano il Kurdistan tra Iran, Irak, Turchia e Siria. La maggior parte di questi lavoratori (un totale, si calcola, di oltre 20mila) vive in Iran, le cui province curde sono tra le più povere del Paese. Le autorità centrali li considerano tutti dei "contrabbandieri". Ndt)
Nell'ultimo anno, almeno 39 kolbar curdi sono morti nelle zone di confine dell'Azerbaigian occidentale, del Kurdistan e delle province di Kermanshah. Tra questi, 27 kolbar, tra cui un bambino, sono stati colpiti direttamente dalle forze militari della Repubblica Islamica dell'Iran e una persona è stata colpita dalle forze di confine irachene. Inoltre, un kolbar è stato torturato a morte dalle forze militari di sicurezza della Repubblica Islamica dell'Iran, che hanno poi gettato il suo corpo giù dalla montagna.
Due kolbar sono stati uccisi in incidenti d'auto durante un inseguimento da parte delle forze iraniane. Ci sono stati anche due morti per cadute, due per assideramento, due per annegamento nei fiumi di confine, uno per infarto e uno per incidente stradale sulle rotte dei kolbar.
Durante questo periodo, almeno 356 kolbar nelle regioni di confine dell'Azerbaigian Occidentale, del Kurdistan e delle province di Kermanshah hanno subito lesioni e danni gravi. Tra questi, 311 persone, tra cui 15 bambini, sono stati colpiti dalle forze militari della Repubblica Islamica dell'Iran, otto sono stati aggrediti, sei sono caduti dall'alto durante gli inseguimenti di queste forze e cinque sono stati feriti dagli spari delle guardie di frontiera irachene. Inoltre, 11 sono stati feriti in incidenti stradali, nove sono caduti dall'alto e sei sono stati feriti a causa dell'esplosione di mine lungo i percorsi del kolbar. [...]

Esecuzioni
KHRN ha riferito e confermato l'esecuzione di condanne a morte per 121 prigionieri curdi in varie carceri del Paese nell'ultimo anno. La maggior parte di questi individui era accusata di "omicidio premeditato", "traffico di droga" e "furto". [...]

Prigionieri politici e religiosi condannati a morte
Attualmente, almeno sette prigionieri politici curdi e religiosi curdi sunniti, tra cui Reza Rasaei, Mohammad Khezrnezhad, Yousef Ahmadi, Nayeb Askari, Khosrow Besharat, Anvar Khezri e Kamran Sheikheh, rischiano un'imminente esecuzione nelle carceri di Orumiyeh, Ghezel Hesar di Karaj, Sanandaj e Kermanshah. Queste persone sono state accusate di "diffondere la corruzione sulla terra" (efsad-e fel arz), "insurrezione armata" (baghi) e "inimicizia contro Dio" (moharebeh) attraverso l'appartenenza a partiti curdi di opposizione o a gruppi religiosi sunniti, nonché di "coinvolgimento in omicidio intenzionale". [...]

Uccisione di civili
Durante questo periodo, almeno 14 civili curdi, Armita Geravand, Behzad Azizi, Azad Rezaei, Azad Sattar-Panah, Eynollah Ghadernezhad, Qazi Mustafa Ali, Sirous Shokri, Ali Nazari, Rahman Shams, Mohammad Mehrdadi, Hamed Bagheri, Vahed Ghaderi, Kaveh Goyli e Kavan Amjadnia sono stati uccisi dalla polizia, dalle Guardie rivoluzionarie e dalle forze di polizia morale nelle province di Kermanshah, Kurdistan, Azerbaigian Occidentale, Teheran e Alborz. [...]

Uccisioni extragiudiziali
Lo scorso anno, tre membri del Partito democratico del Kurdistan iraniano (PDKI) e un membro del Partito Komala del Kurdistan iraniano sono stati assassinati nella Regione del Kurdistan dell'Iraq. [...]

Morti di lavoratori durante il lavoro
Lo scorso anno, almeno 41 lavoratori curdi, tra cui due bambini, hanno perso la vita in incidenti sul lavoro. [...]

Femminicidi
Nell'ultimo anno, sono stati segnalati almeno 31 casi di femminicidio in Kurdistan, di cui 13 nella provincia dell'Azerbaigian occidentale, 13 nella provincia di Kermanshah, 2 nella provincia del Kurdistan e 3 nella provincia di Ilam.
Quattro di queste donne erano minorenni e almeno tre di loro erano “spose bambine”.
I motivi di questi omicidi, commessi per lo più da membri maschi della famiglia, includono "dispute familiari", "relazioni extraconiugali", "richiesta di divorzio", "opposizione al matrimonio del marito", "opposizione al matrimonio della donna dopo il divorzio" e motivi definiti "d'onore". [...]

Esplosione di mine e munizioni da guerra
Durante questo periodo, almeno due persone sono state uccise a causa dell'esplosione di mine nella provincia di Kermanshah e un civile di Baneh è stato ucciso a causa dell'esplosione di una mina nella regione del Kurdistan in Iraq. Inoltre, almeno dodici persone, tra cui due bambini, sono state ferite o hanno subito amputazioni a causa di esplosioni di mine nelle province di Ilam, Kermanshah, Kurdistan e Azerbaigian Occidentale.
Alcune di queste mine e munizioni da guerra risalgono alla guerra Iran-Iraq e all'attacco militare della Repubblica islamica contro il Kurdistan negli anni '80. Le altre mine che hanno causato vittime sono state appositamente collocate dal governo come “politica di controllo del territorio”. I restanti esplosivi sono stati impiegati durante le recenti operazioni militari della Repubblica Islamica dell'Iran per contrastare la presenza di membri del partito di opposizione curdo nella regione. [...]

Richiedenti asilo
Lo scorso anno, due richiedenti asilo curdi, Hemin Shamamizadeh di Sardasht e Esmaeil Darabi di Sarpol-e Zahab, sono morti per assideramento mentre cercavano di raggiungere l'Unione Europea nelle foreste al confine tra Bielorussia e Polonia, rispettivamente il 20 maggio 2023 e il 7 novembre 2023.
Allo stesso modo, Nima Shahsavari e Hiwa Mostafaei, due richiedenti asilo curdi del villaggio di Khaneqah a Paveh, sono scomparsi il 24 dicembre 2023 quando la loro imbarcazione si è rovesciata durante la traversata della Manica dalla Francia all'Inghilterra. Ad oggi, non sono state trovate informazioni sulla loro sorte.
Inoltre, Sohrab Rahmati, avvocato e membro dell'Ordine degli Avvocati della Regione del Kurdistan iracheno, che si stava occupando di diversi casi relativi a esecuzioni extragiudiziali di oppositori della Repubblica islamica dell'Iran, è stato oggetto di un attacco armato da parte delle forze iraniane nella città di Erbil il 16 novembre 2023 ed è rimasto ferito.

https://kurdistanhumanrights.org/en/news/2024/04/05/kurdistan-human-rights-networks-annual-report/

(Fonte: KHRN)

Altre news:
MALESIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN 33 ANNI DI CARCERE
NAPOLI: 28 MAGGIO 'LA COSTITUZIONE, LA CONDIZIONE CARCERARIA E LA DESERTIFICAZIONE AFFETTIVA'
INDIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA VICINA 71ENNE
IL REGIME DEI MULLAH DIVORA CORPI UMANI
LA SMANIA DEI LEGISLATORI: PUNIRE, PUNIRE, PUNIRE
IRAN - Respinto ricorso del condannato a morte ebreo Arvin Ghahremani
IRAN - Soraya Mohammadi giustiziata a Karaj il 24 aprile
SIRIA: TRE CONDANNE A MORTE PER GLI OMICIDI DI UN ATTIVISTA E DI SUA MOGLIE
EGITTO: INSEGNANTE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN LICEALE
‘LEGGE E ORDINE’ NELLE CARCERI: SORVEGLIARE E PUNIRE
USA - Texas. Un detective: “Non c'è stato alcun crimine nel caso di Robert Roberson”
SOMALIA: UN CONDANNATO A MORTE E TRE AL CARCERE PER LEGAMI CON AL-SHABAB
MALESIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN 40 ANNI DI CARCERE IN UN CASO DI TRIPLICE OMICIDIO
BAHRAIN: IL RE GRAZIA PIÙ DI 1.500 DETENUTI
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMESSO
SOMALIA: RILASCIATI SEI MAROCCHINI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE
IRAQ: QUASI 100 CONDANNE CAPITALI E ALL’ERGASTOLO PER DROGA TRA 2023 E 2024
IRAN - Dissidente esprime gioia per la morte di Raisi
USA - Pubblicate, contemporaneamente, le ultime 5 edizioni di "Death Row USA"
Regno Unito - Insufficienti le garanzie USA par l'estradizione di Julian Assange
IRAN - La morte di Raisi non significa la chiusura del caso sui suoi crimini
IRAN - NCRI: la morte di Raisi assesta un colpo strategico a Khamenei
USA - Alabama. Il procuratore distrettuale interviene a sostegno di Toforest Johnson
IRAN - Hatem Ozdemir nuovamente condannato a morte
IRAN - Fardin Musazadeh e Mehdi Khadem giustiziati ad Ardebil il 19 maggio
‘COMPRESENZA’
IRAN - 4 uomini giustiziati a Shiraz il 19 maggio
IRAN - 4 donne premio Nobel per la Pace chiedono di porre fine alla serie di esecuzioni in Iran
ARABIA SAUDITA: SCIITA GIUSTIZIATO PER MINACCIA ALLA SICUREZZA NAZIONALE
IRAN - Ramin Saadat giustiziato a Miandoab il 18 maggio

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits