Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Julian Assange
Julian Assange
USA - Gli Usa rispondono al Regno Unito sulle richieste garanzie per Assange

16 aprile 2024:

16/04/2024 - USA. Gli Stati Uniti forniscono garanzie vincolanti che Julian Assange non sarà condannato a morte
Il 16 aprile 2024, l’amministrazione Biden ha assicurato al Regno Unito che il fondatore di WikiLeaks Julian Assange, che rischia l’estradizione negli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio, non sarebbe stato condannato a morte. Ora è prevista un'udienza a Londra il 20 maggio per valutare le assicurazioni e decidere se il signor Assange ha ancora qualche ricorso legale residuo. Alcune settimane prima, l’Alta Corte di Londra aveva concesso ad Assange una proroga dall’estradizione, accettando di concedergli un ricorso se gli Stati Uniti non fossero stati in grado di fornire garanzie che non avrebbero richiesto la pena di morte entro il 16 aprile.
Sebbene nessuna delle 18 accuse che Assange sta affrontando attualmente sia capitale, la corte britannica ha accolto la richiesta della difesa di ottenere ulteriori garanzie. Nel Regno Unito l'estradizione di prigionieri verso paesi in cui potrebbero rischiare la pena di morte è vietata a meno che non vi sia "un'adeguata garanzia scritta che la pena di morte non sarà imposta o, se imposta, non verrà eseguita".
Nella sua sentenza di 66 pagine pubblicata il 26 marzo, la presidente della corte britannica, Victoria Sharp, aveva sottolineato la necessità di garanzie esplicite riguardo alle intenzioni delle autorità statunitensi.
Le autorità statunitensi concordano anche sul fatto che Assange, un cittadino australiano, può “sollevare il caso che nei suoi confronti non stiano venendo rispettate le garanzie previste dal Primo Emendamento, ma hanno avvertito che “una decisione sull’applicabilità del Primo Emendamento è esclusivamente di competenza dei tribunali statunitensi. " L’Alta Corte del Regno Unito aveva specificamente richiesto garanzie “che il ricorrente [Mr. Assange] può fare affidamento sul Primo Emendamento, secondo cui il ricorrente non è pregiudicato durante il processo, inclusa la sentenza, a causa della sua nazionalità, e gli sono concesse le stesse protezioni [libertà di parola] di un cittadino degli Stati Uniti.
Stella Assange, la moglie di Assange, ha rilasciato una dichiarazione. “Gli Stati Uniti si sono limitati a parole sfacciate sostenendo che Julian può ‘cercare di sollevare’ il primo emendamento se estradato”, ha detto. “La nota diplomatica non fa nulla per alleviare l’estrema angoscia della nostra famiglia riguardo al suo futuro – la sua triste aspettativa di trascorrere il resto della sua vita in isolamento in una prigione americana per aver pubblicato giornalismo pluripremiato. L’amministrazione Biden deve abbandonare questo pericoloso procedimento giudiziario prima che sia troppo tardi”.
Per anni, l’Australia ha invitato gli Stati Uniti a ritirare le accuse contro Assange. Il 10 aprile, durante una visita ufficiale con il primo ministro giapponese, il presidente Biden ha risposto a una domanda sulla richiesta affermando: “La stiamo considerando”. Il primo ministro australiano, Anthony Albanese, ha dichiarato a Sky News Australia il giorno seguente: “Sono sempre più ottimista riguardo al risultato, ma certamente non è ancora stato ancora raggiunto. Continueremo a discutere il caso in ogni occasione che avremo”. Il Wall Street Journal aveva riferito il 20 marzo che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti stava valutando la possibilità di offrire ad Assange un patteggiamento.

https://deathpenaltyinfo.org/news/united-states-provides-binding-assurances-to-the-united-kingdom-that-julian-assange-will-not-face-the-death-penalty-if-extradited

(Fonte: DPIC, 16/04/2024)

Altre news:
IRAN - Soraya Mohammadi giustiziata a Karaj il 24 aprile
IRAQ: QUASI 100 CONDANNE CAPITALI E ALL’ERGASTOLO PER DROGA TRA 2023 E 2024
SOMALIA: RILASCIATI SEI MAROCCHINI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE
IRAN - La morte di Raisi non significa la chiusura del caso sui suoi crimini
‘COMPRESENZA’
IRAN - Fardin Musazadeh e Mehdi Khadem giustiziati ad Ardebil il 19 maggio
IRAN - Ramin Saadat giustiziato a Miandoab il 18 maggio
IRAN - 4 donne premio Nobel per la Pace chiedono di porre fine alla serie di esecuzioni in Iran
VERONA: 20 MAGGIO VISITA AL CARCERE E CONFERENZA
‘IL PROCESSO? CHI SE NE FREGA, LI TENIAMO A GUANTANAMO A VITA’
ARABIA SAUDITA: SCIITA GIUSTIZIATO PER MINACCIA ALLA SICUREZZA NAZIONALE
LA VIA D’USCITA CHIAMATA PERDONO
IRAN - 1 donna, 5 uomini giustiziati a Urmia il 18 maggio
IRAN - Asghar Hajizadeh e Kaveh Bashangeh giustiziati a Salmas il 18 maggio
IRAN - 25 curdi giustiziati a maggio
IRAN - Yaser Abdollahi giustiziato a Isfahan il 18 maggio
IRAN Fatemeh Abdollahi giustiziata a Neyshabur il 18 maggio
IRAN - Giovane ebreo a rischio di esecuzione
NIGERIA: CONDANNATO ALLA LAPIDAZIONE PER OMOSESSUALITÀ DA UN TRIBUNALE DELLA SHARIA
IRAN - Azione urgente per fermare l'esecuzione di Parvin Mousavi
‘COMPRESENZA’ IL 17 MAGGIO AL CARCERE DI OPERA
BANGLADESH: ALTA CORTE LIMITA L’ISOLAMENTO PER I PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE
IRAN - Razieh, una donna, giustiziata a Mashhad il 15 maggio
‘COMPRESENZA’ IL 17 MAGGIO AL CARCERE DI OPERA
IRAN - 5 uomini giustiziati a Karaj il 15 maggio
IRAQ: UNA CONDANNA A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN - Jafar Aslani giustiziato a Qazvin il 15 maggio
IRAN - Reza Gholamhosseini e Farokh Khan Mohammadi giustiziati a Ilam il 14 maggio
IRAN - Naser Atarod giustiziato a Qom il 14 maggio
USA - Ohio. Gurpreet Singh, 41 anni, asiatico, condannato a morte

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits