Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IN QUESTO PAESE CHI SBAGLIA, INDIPENDENTEMENTE DAL PERCORSO CHE POI HA INTRAPRESO, RIMANE SEMPRE COLPEVOLE

27 febbraio 2021:

di Rosario Giugliano

Vi racconto la mia storia. L’inizio è triste, per colpa mia. Il seguito è lieto, per merito mio. Il finale è di nuovo triste, ma non per colpa mia. Sono nato a Poggiomarino, Napoli, nel 1961, in una modesta famiglia di lavoratori che, nonostante le difficoltà economiche dell’epoca, non hanno mai fatto mancare nulla né a me né ai miei fratelli, tre maschi e due femmine.
Fin da piccolissimo il più “vivace” dei figli ero io e col passare degli anni questa mia vivacità mi ha creato non pochi problemi. Sono stato arrestato la prima volta a 14 anni. Il carcere minorile invece che attenuare la mia vivacità l’ha accentuata. Nei due anni successivi ho commesso parecchi altri reati, sicché, nel 1977, all’età di 16 anni, sono stato arrestato di nuovo. Alla fine ho cumulato una condanna a 20 anni. Ho passato i primi due anni nelle carceri minorili e avevo una vera e propria allergia alle regole.
Raggiunta la maggiore età, sono stato trasferito a Poggioreale, quando regnava Cutolo. Allora si viveva in un clima di ostilità, c’erano le rivolte e le contrapposizioni anche fra detenuti. Ho ripreso a girovagare per le carceri e nell’84 arrivai all’isola di Pianosa, dove ci restai per cinque anni, finché un Magistrato di Sorveglianza, Margara, persona perbene, ha compreso la vita disastrata che avevo vissuto e mi ha dato un’opportunità che non valorizzai. Al primo permesso, non rientrai più in carcere. Dopo aver causato molte vittime, la latitanza finì una mattina di aprile del 1991. Iniziai subito una riflessione su quello che era stato il mio vissuto o il non vissuto. Ero consapevole che i miei giorni li avrei finiti in un carcere. Questo non mi spaventava, sapevo di cosa ero responsabile e mi assunsi le mie responsabilità. Mi fu tolto l’ergastolo e mi venne comminata una condanna a trenta anni. Ma ho continuato a girare le carceri di mezza Italia, sono stato anche al 41 bis dove ci sono rimasto per 13 anni. Proprio nelle catacombe del 41 bis, nonostante le angherie di quel regime, la mia riflessione e la voglia di cambiare si rafforzarono sempre di più. Una “luce” si era accesa nel mio animo. Essendo di estrazione cattolica mi piace pensare che dall’alto “qualcuno” abbia voluto prendermi per mano e accompagnarmi in una nuova vita.
Nel 2008 sono stato declassificato e trasferito a Opera dove c’era uno spirito e un approccio diverso, c’era modo di farsi conoscere come persona. Ho partecipato a diversi progetti trattamentali, tra cui quello di giustizia riparativa, progetto che umanamente mi ha dato tantissimo. Iniziai a usufruire di benefici, prima i permessi, poi la semilibertà che per me significò riprendere a vivere. Con la mia compagna iniziammo a comporre quei tasselli di “normalità” che ci portarono prima a intraprendere una nostra piccola attività e poi, nel 2015, a coronare il sogno della nostra esistenza, la nascita di Alberto, creatura che ha travolto, in senso positivo e gioioso, la nostra vita.
Purtroppo, nel dicembre del 2015, per una infrazione al piano trattamentale, tutto fu messo di nuovo in discussione, mi fu revocata la semilibertà, e iniziai a vedere la mia compagna e il mio piccolino una volta al mese. Mi sono dovuto ricalare di nuovo nella quotidianità del carcere che sono riuscito a sopportare grazie a Nessuno tocchi Caino che si è inventato i “laboratori del cambiamento” e quel capolavoro di Ambrogio Crespi che è stato il docufilm “Spes contra Spem”. Ora, da un anno sono un uomo libero con il solo vincolo della sorveglianza speciale.
In conclusione, perché ho fatto questo scritto? Semplicemente per dire che in questo Paese, se sei stato un colpevole, e io lo sono stato, se sei stato giustamente condannato, se hai scontato la pena fino all’ultimo giorno, questo non basta. Nonostante la Costituzione, per la giustizia italiana io rimarrò, finché sarò in vita, un colpevole. Lo dico perché alcuni giorni fa, il 17 febbraio, dopo una vita di sacrifici e alcuni mesi di grande sofferenza, è venuta a mancare mia madre, una donna di altri tempi e cultura, che ha sacrificato la sua vita dedicandola a mio Padre e a noi figli, tra cui Carmine, affetto sin dalla nascita da una gravissima malattia per cui non ha mai parlato, camminato, capito praticamente nulla. Fortunatamente, tranne me, gli altri figli non le hanno mai dato dispiaceri, tutti hanno intrapreso una vita regolare affermandosi nei loro mestieri, mai nessuno di loro ha trasgredito le regole del vivere civile, mai un appunto, men che meno una denuncia o una multa. La pecora nera della famiglia sono stato solo io.
Morta mamma, essendo io sottoposto ad una misura di sicurezza, ho fatto istanza al Tribunale di Napoli per poter stare qualche ora a casa, assieme ai miei fratelli, da mamma e poi partecipare in chiesa ai suoi funerali. Il Tribunale mi ha concesso il permesso di partecipare all’intera funzione, ma poche ore prima che iniziasse il rito, funzionari della Questura hanno comunicato ai miei familiari un provvedimento del Questore di Napoli, Alessandro Giuliano, che sospendeva il funerale: “essendo la mamma del pluripregiudicato Giugliano Rosario, per motivi di ordine pubblico non si poteva fare il rito funebre”. Ho subito comunicato alle autorità che avrei rinunciato a partecipare ai funerali purché mia mamma, una donna molto cattolica, potesse passare per la chiesa. Non c’è stato nulla da fare, il questore aveva deciso e nulla avrebbe fatto cambiare la decisione. Fosse stato il mio funerale, avrei capito e per quando mi riguarda, quando arriverà il mio momento, possono anche farmi un fosso da qualche parte e finirla li. Ma mia mamma, poverina! Pur non avendo mai infranto nessuna legge di questo Paese e mai resasi responsabile di alcun reato, tranne la colpa di avermi messo al mondo, è stata trattata come una delinquente. La morale è che in questo Paese chi sbaglia, indipendentemente dal percorso che poi ha intrapreso, rimane sempre colpevole. Comunque, a parte l’amarezza, il mio percorso me lo tengo stretto, perché ritengo oggi di essere una persona migliore. Non so se lo Stato, questo Stato senza grazia e senza pietà, può dire lo stesso di sé.

Altre news:
ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO
IRAN - Quattro detenuti politici giustiziati nella prigione di Sepidar il 28 febbraio
USA - L’ergastolo senza condizionale applicato ai minorenni
USA - Alla data del 30 dicembre 2020 negli Usa c’erano 203.865 ergastolani
PAKISTAN: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
PAKISTAN: RIMANDATO L’APPELLO DELLA COPPIA CRISTIANA CONDANNATA A MORTE PER BLASFEMIA
IRAN - Jafar Mansour-Beigi giustiziato il 23 febbraio nella prigione di Adelabad
IRAN: MORTA DUE VOLTE, DI CREPACUORE E DI PENA DI MORTE
USA - Rapporti sulle esecuzioni federali “ripuliti
IRAN - Hamed Mostafaei giustiziato nella prigione di Arak il 26 febbraio
IRAN - Ahmad Araji impiccato il 26 febbraio nella prigione di Irak
NIGERIA: IL GOVERNATORE DI JIGAWA APPROVA LA PENA DI MORTE PER GLI STUPRATORI
USA - Oklahoma. I sostenitori di Julius Jones hanno presentato 6,2 milioni di firme per ottenere clemenza
USA - Alabama. Lo stato sta modificando il protocollo di esecuzione
INDIA: L’ALTA CORTE DI BOMBAY ANNULLA UNA CONDANNA A MORTE
IRAQ: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER GLI OMICIDI DEI DUE FIGLI
INDIA: CONDANNATO A MORTE NELL’UTTAR PRADESH PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - “Ehsan” assolto e scarcerato
ONU: BACHELET PLAUDE ALL’IMPEGNO DI BIDEN SULLA PENA CAPITALE
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DELLA MOGLIE E DEL FIGLIO DISABILI
LIBANO: 35 MANIFESTANTI ACCUSATI DI TERRORISMO DAL TRIBUNALE MILITARE
INDIA: FIGLIO DI UNA CONDANNATA A MORTE CHIEDE AL PRESIDENTE LA GRAZIA PER LA MADRE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - Behnam Mahjoubi, condannato a 2 anni, morto per mancanza di cure mediche
USA - Virginia. Abolizione della pena di morte quasi definitiva.
IRAN - Un uomo, identificato solo come Ehsan, rischia la pena di morte per consumo di alcolici
ALGERIA: JIHADISTA CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN FRANCESE
CON CUTOLO È MORTO ANCHE LO STATO DI DIRITTO
LA VITA OLTRE IL FINE PENA MAI, AMBROGIO CRESPI ILLUMINA UN MONDO DOVE REGNA IL BUIO
‘CASO PIÙ RARO TRA I RARI’, PER LA PRIMA VOLTA UNA DONNA VERSO LA FORCA IN INDIA

1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits