Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - No End In Sight
USA - No End In Sight
USA - Alla data del 30 dicembre 2020 negli Usa c’erano 203.865 ergastolani

27 febbraio 2021:

Secondo lo studio “NO END IN SIGHT” del Sentencing Project, pubblicato il 17 febbraio 2021, alla data del 30 dicembre 2020 negli Usa c’erano 203.865 ergastolani. Il termine “ergastolani” comprende 3 categorie: quelli che non usciranno mai in libertà condizionale (LWOP, Life With Out Parole), quelli che potrebbero prenderla (LWP, Life With Parole. Nei vari stati il termine minimo di pena da scontare prima di poter chiedere la libertà condizionale varia dai 15 ai 40 anni, in media è 25 anni), e quelli “virtuali”, o “de facto”, persone formalmente non condannate all’ergastolo, ma a pene talmente alte, e con la possibilità di libertà condizionale “non prima di 50 anni” da essere equivalenti all’ergastolo. Il rapporto di Sentencing Project, firmato da Ashley Nellis, conta 55.945 ergastolani “LWOP”, 105,567 ergastolani “LWP”, e 42,353 ergastolani “Virtual”.
Lo stesso studio del Sentencing Project 4 anni fa (vedi NtC 06/05/2017 e 29/01/2018), con dati aggiornati al 31 dicembre 2016, dava 3000 ergastolani senza condizionale in meno, ma 2500 ergastolani “normali” in più, e 2700 “virtuali” in più.
Il tutto su una popolazione carceraria (2020) di 1.400.000 persone tra carceri statali e federali. Come è noto, negli Stati Uniti esiste anche un altro livello di detenzione, quello “locale”, o “di contea”, che nel complesso ospita in media tra le 700.000 e le 750.000 persone, dove però gli imputati rimangono solo in attesa del processo, oppure in caso di condanne minori. Pur mancando in questo studio i dati sulle cosiddette “jail”, in questo circuito non dovrebbero trovarsi ergastolani.
L’ergastolo senza condizionale esiste in tutti gli stati tranne l'Alaska. A farne un uso prevalente sono California, Florida, Louisiana, Michigan e Pennsylvania. La metà della popolazione nazionale delle persone che scontano LWOP risiede in questi cinque stati. Il governo federale detiene altre 3.536 persone in LWOP. Rispetto al primo censimento sull’ergastolo realizzato da Sentencing Project nel 2003, gli ergastoli senza condizionale sono aumentati del 66%.
Considerando invece i 3 tipi di ergastolo nell’insieme, a farne un uso prevalente sono la California (40.000 casi), il Texas, (18.460), la Florida (15.000), la Georgia (10.000), New York, Ohio, Pennsylvania (oltre gli 8.000 casi), il Sistema Federale (6.250) e la Louisiana (6.000). Tra gli ergastolani “normali”, 3.972 sono stati condannati non per omicidio ma per reati di droga. Il 38% di questi sono nel Sistema Federale.
Gli ergastoli vengono scontati in modo sproporzionato da afroamericani, ispanici e altre persone di colore. A livello nazionale, due terzi delle persone che scontano l’ergastolo sono persone di colore: 46% neri, e 16% ispanici. Tra le persone che scontano l'ergastolo più estremo, LWOP, il 55% è di colore. Il 3% degli ergastolani è donna.
Almeno 8.600 persone stanno scontando ergastoli normali o “virtuali” per reati commessi da minorenni.
Lo studio indica anche alcune proposte per superare l’uso eccessivo della detenzione.
Alcuni stati stanno iniziando ad affrontare questo argomento proponendo periodiche revisioni delle pene.
Nel 2018, la California ha approvato una legge per consentire ai pubblici ministeri di richiedere modifiche della pena ai giudici se si ritiene che le condanne siano eccessive. Nel 2020, il Distretto di Columbia ha approvato una legge che consente alle persone con lunghe pene che avevano meno di 25 anni al momento del reato di chiedere, dopo 15 anni, la rimodulazione della condanna, e anche il rilascio. A livello federale, il senatore Cory Booker del New Jersey ha introdotto il Second Look Act nel 2019 che consentirebbe a un detenuto federale di chiedere una riconsiderazione della pena dopo 10 anni.
Sentencing Project considera importanti questi primi passi, ma propone di fare di più.
Abolire l'ergastolo senza condizionale
Le condanne all'ergastolo senza possibilità di libertà condizionale sono praticamente inesistenti nel resto del mondo (Sentencing Project non considera l'ergastolo ostativo che esiste in Italia, perchè in effetti in Italia l'ostatività, che corrisponde ad una impossibilità di accedere alla condizionale, è una misura amministrativa e non giudiziaria, ndt). Sono considerate antitetiche alla trasformazione personale, obiettivo primario di molti altri sistemi di correzione. Inoltre, violano i principi fondamentali della dignità umana. Invece di servire gli interessi della giustizia, LWOP grava inutilmente i sistemi con il pesante costo di alloggio, alimentazione e assistenza medica per le oltre 55.000 persone. Questa popolazione sproporzionatamente anziana deve vivere in istituzioni non ben progettate per prendersi cura di loro.
L'eliminazione di LWOP ricalibrerà tutte le sentenze sottostanti. Sentencing Project ropone di prevedere, tranni casi eccezionali, che le condanne massime non superino i 20 anni.
Accelerare ed espandere le opportunità di rilascio
In America il sistema della libertà condizionale non funziona o, in alcune giurisdizioni, è del tutto inesistente.
Nelle giurisdizioni con libertà condizionale, il processo di revisione è impantanato in giochi politici e spesso manipola le esperienze delle vittime per garantire una negazione della libertà condizionale. Un sistema giusto per la libertà vigilata opererebbe indipendentemente dalla politica del ramo esecutivo sia nella decisione finale di rilasciare un individuo, sia nella composizione del comitato per la libertà vigilata. Il consiglio dovrebbe essere composto da professionisti con esperienza in servizi sociali, psicologia, diritto e prigioni. Il crimine che ha portato alla condanna non dovrebbe essere il fattore determinante nella decisione della commissione per la libertà vigilata. Il focus dell'udienza della commissione per la libertà vigilata dovrebbe essere sullo sviluppo della persona durante la detenzione, sulle attuali considerazioni sulla sicurezza pubblica e sull'identificazione di quali supporti siano necessari per un percorso positivo dopo il rilascio.
Gli Stati dovrebbero anche adottare politiche di "secondo sguardo", o revisione delle lunghe detenzioni. Espiato un periodo di 10/15 anni gli individui dovrebbero essere rivalutati, alla luce dei loro cambiamenti. L'inizio di questa revisione a 10 o 15 anni allineerebbe gli Stati Uniti con la comunità internazionale e l'American Law Institute, un organismo nazionale apartitico di esperti legali. Il sistema penitenziario non dovrebbe aver bisogno di più di 20 anni per conferire a un individuo le capacità necessarie per vivere senza ulteriori reati dopo il rilascio.
Riorientare le vittime e il coinvolgimento delle comunità verso la vera guarigione
Un riorientamento del ruolo delle vittime richiede di investire in modelli di giustizia riparativa che curino il danno causato dalla violenza alla radice, creando un sistema che sia "centrato sui sopravvissuti, basato sulla responsabilità, guidato dalla sicurezza e razzialmente equo". A questo lavorano da tempo esperti di gruppi come Common Justice e National Black Women’s Justice Institute. Entrambe le stimate organizzazioni ancorano il loro lavoro alla convinzione che siamo tutti più al sicuro quando aiutiamo le vittime, riteniamo tutti responsabili delle proprie azioni, e lo facciamo con empatia e compassione.
Il coinvolgimento delle vittime e dei parenti delle vittime in pratiche che tendano a creare giustizia attraverso la guarigione dell’animo aiuterà a minare l'errato presupposto che l’interesse delle vittime sia ben servito dall'incarcerazione di massa.
Allo stesso modo, piuttosto che impegnare le scarse risorse pubbliche per l'incarcerazione perpetua, i fondi potrebbero essere investiti in approcci positivi allo sviluppo della comunità che migliorino l'accesso agli alloggi, al lavoro, all'istruzione e all'assistenza sanitaria.
Dato che già sappiamo dove avvengono la maggior parte delle violenze e dei reati, possiamo mitigare il rischio di criminalità, possiamo intervenire nelle comunità altamente svantaggiate con risorse finalizzate ad arginare all’origine il disagio. Investimenti considerevolmente più grandi nel rafforzamento della comunità, come l'istruzione prescolare universale, iniziative genitoriali efficaci, aiuti alle vittime e trattamenti per chi usa sostanze o ha disturbi mentali creeranno sicuramente un sistema più equo che non le pene detentive inutilmente lunghe. Queste risorse rendono le comunità più sicure costruendo sistemi più attenti a prevenire quegli squilibri economici e sociali che contribuiscono notevolmente alla violenza e ai reati. Riducendo l'enfasi sull'incarcerazione e riducendo la pena, possiamo utilizzare le scarse risorse pubbliche per sostenere le vittime e le comunità per guarire e prosperare.
Questa è la strada per la prevenzione del crimine e la vera sicurezza pubblica.

https://www.sentencingproject.org/publications/no-end-in-sight-americas-enduring-reliance-on-life-imprisonment/  

(Fonti: The Sentencing Project)

Altre news:
ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO
IRAN - Quattro detenuti politici giustiziati nella prigione di Sepidar il 28 febbraio
USA - L’ergastolo senza condizionale applicato ai minorenni
PAKISTAN: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
PAKISTAN: RIMANDATO L’APPELLO DELLA COPPIA CRISTIANA CONDANNATA A MORTE PER BLASFEMIA
IRAN - Jafar Mansour-Beigi giustiziato il 23 febbraio nella prigione di Adelabad
IRAN: MORTA DUE VOLTE, DI CREPACUORE E DI PENA DI MORTE
IN QUESTO PAESE CHI SBAGLIA, INDIPENDENTEMENTE DAL PERCORSO CHE POI HA INTRAPRESO, RIMANE SEMPRE COLPEVOLE
IRAN - Hamed Mostafaei giustiziato nella prigione di Arak il 26 febbraio
IRAN - Ahmad Araji impiccato il 26 febbraio nella prigione di Irak
USA - Rapporti sulle esecuzioni federali “ripuliti
NIGERIA: IL GOVERNATORE DI JIGAWA APPROVA LA PENA DI MORTE PER GLI STUPRATORI
USA - Oklahoma. I sostenitori di Julius Jones hanno presentato 6,2 milioni di firme per ottenere clemenza
USA - Alabama. Lo stato sta modificando il protocollo di esecuzione
INDIA: L’ALTA CORTE DI BOMBAY ANNULLA UNA CONDANNA A MORTE
IRAQ: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER GLI OMICIDI DEI DUE FIGLI
INDIA: CONDANNATO A MORTE NELL’UTTAR PRADESH PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - “Ehsan” assolto e scarcerato
ONU: BACHELET PLAUDE ALL’IMPEGNO DI BIDEN SULLA PENA CAPITALE
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DELLA MOGLIE E DEL FIGLIO DISABILI
LIBANO: 35 MANIFESTANTI ACCUSATI DI TERRORISMO DAL TRIBUNALE MILITARE
INDIA: FIGLIO DI UNA CONDANNATA A MORTE CHIEDE AL PRESIDENTE LA GRAZIA PER LA MADRE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - Behnam Mahjoubi, condannato a 2 anni, morto per mancanza di cure mediche
USA - Virginia. Abolizione della pena di morte quasi definitiva.
IRAN - Un uomo, identificato solo come Ehsan, rischia la pena di morte per consumo di alcolici
ALGERIA: JIHADISTA CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN FRANCESE
CON CUTOLO È MORTO ANCHE LO STATO DI DIRITTO
LA VITA OLTRE IL FINE PENA MAI, AMBROGIO CRESPI ILLUMINA UN MONDO DOVE REGNA IL BUIO
‘CASO PIÙ RARO TRA I RARI’, PER LA PRIMA VOLTA UNA DONNA VERSO LA FORCA IN INDIA

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
  IRAN: NESSUNO TOCCHI CAINO, IMPICCAGIONE DEL MANIFESTANTE MOSTAFA SALEHI È UNA VERGOGNA PER IL MONDO COSIDDETTO DEMOCRATICO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits