Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Rapporti sulle esecuzioni federali “ripuliti

26 febbraio 2021:

USA

Rapporti sulle esecuzioni federali “ripuliti, omettendo dettagli inquietanti osservati dai giornalisti.
Secondo l'Associated Press, i funzionari del Federal Bureau of Prisons (BOP) hanno ripetutamente “aggiustato” i resoconti delle esecuzioni effettuate nel 2020 e nel 2021, fornendo descrizioni sanificate delle esecuzioni che omettevano tutti i riferimenti a movimenti del corpo drammatici e segni di angoscia osservati dai testimoni dei media. I resoconti giurati dei membri dello staff, che i pubblici ministeri federali hanno fornito a un perito della difesa e a un giudice federale nel corso di un procedimento in cui i detenuti affermavano che la procedura di esecuzione era atrocemente dolorosa e incostituzionalmente crudele, deviano in modo significativo dalle osservazioni di più giornalisti che hanno assistito agli stessi eventi.
La discutibile descrizione da parte del governo di ciò che i prigionieri hanno vissuto mentre venivano messi a morte "implica direttamente preoccupazioni sulla costituzionalità delle procedure di esecuzione del governo federale", ha detto Megan McCracken, avvocato della Death Penalty Clinic presso la University of California Berkeley School of Law. McCracken ha detto a Newsweek che i resoconti neutri di testimoni oculari delle esecuzioni avevano "descritto i detenuti che annaspavano per respirare, e movimenti convulsi degli addomi. Questi movimenti ", ha detto," sono coerenti con i risultati di molte autopsie di giustiziati secondo cui i detenuti verrebbero colpiti da edema polmonare istantaneo" (in inglese flash pulmonary edema), una condizione medica in cui i polmoni e le vie respiratorie si riempiono di liquido, provocando una sensazione simile all'annegamento.
Gli “executioners“ federali hanno uniformemente descritto le esecuzioni come tranquille e senza problemi, usando la stessa metafora del prigioniero che si addormenta pacificamente, ha riferito AP. "Durante l'intera esecuzione, William LeCroy non sembrava provare alcun tipo di angoscia, disagio o dolore", ha scritto l’executioner Eric Williams in documenti legali depositati come parte della sfida dei prigionieri federali al protocollo di esecuzione. "Poco tempo dopo aver preso un respiro profondo e aver russato, mi è sembrato che LeCroy stesse dormendo profondamente e comodamente." Al contrario, i giornalisti di AP che hanno assistito all'esecuzione di LeCroy il 22 settembre 2020 hanno detto che il suo petto si è sollevato violentemente, suggerendo che avesse avuto un edema polmonare istantaneo.
Gli esperti che hanno testimoniato in un'udienza dinanzi alla Corte Federale del Distretto di Columbia hanno fornito opinioni contrastanti. Kendall Von Crowns, un esperto che ha testimoniato per conto del governo federale, ha detto che il racconto dell’executioner "non afferma che ci sia stato alcun sollevamento irregolare o incontrollato" e ha suggerito che altri avevano semplicemente osservato "l'iperventilazione a causa dell'ansia associata all'imminente Morte." Von Crowns ha affermato che il sollevamento "non ha alcuna rilevanza per l'edema polmonare".
I pubblici ministeri federali hanno obiettato quando gli avvocati dei detenuti hanno tentato di controinterrogare Von Crowns sulle descrizioni dei media dell'apparente angoscia vissuta dai prigionieri. Il giornalista Michael Tarm, dell’Associated Press, che ha assistito personalmente a dieci delle 13 esecuzioni, ha detto che AP e altri media hanno descritto "l'area dello stomaco di LeCroy come sollevata in modo incontrollabile immediatamente dopo l'iniezione di pentobarbital per circa un minuto". Questo "particolare sussulto e sobbalzo è stato visibile in almeno metà delle esecuzioni", ha riferito Tarm. Tarm ha anche contraddetto l'affermazione di Von Crowns sull'ansia pre-morte, scrivendo che "tutti i rapporti dei giornalisti hanno detto che i movimenti inconsulti hanno seguito di pochi secondi o al massimo minuti le iniezioni, mai nelle fasi precedenti o successive".
Gail Van Norman, esperta del team legale dei detenuti, ha detto che le descrizioni dei giornalisti erano coerenti con una persona colpita da edema polmonare istantaneo. “Quando il fluido blocca le vie aeree, altera il ritmo del torace, del diaframma e dell'addome. Torace e addome si contraggono disordinatamente, in contrasto l’uno con l’altro". Van Normal ha detto che un detenuto affetto da edema polmonare istantaneo proverebbe una sensazione “identica a quella riferita dalle vittime di quasi annegamento o soffocamento” come quella prodotta durante “interrogatori potenziati” come il waterboarding. Questi sono tra i sentimenti più strazianti conosciuti dall'uomo."
I risultati delle autopsie dalle esecuzioni mostrano che l'edema polmonare istantaneo può verificarsi anche quando i testimoni non osservano segni esteriori di angoscia. Nell'agosto 2020, così Tarm aveva descritto l’esecuzione di Wesley Purkey "sbatteva le palpebre ripetutamente mentre gli veniva iniettato il pentobarbital" ma non mostrava "segni esteriori evidenti di dolore". Tuttavia, un esame autoptico dei suoi polmoni ha rilevato che Purkey aveva sofferto di "grave edema polmonare acuto bilaterale".
Nei loro resoconti delle esecuzioni, i funzionari della prigione hanno descritto la barella delle esecuzioni come un "letto" e i rantoli in punto di morte dei detenuti come "russare". Nessuno degli executioners ha usato i termini “scosse” o “sussulti”, termini usati invece ripetutamente dai giornalisti. I funzionari della prigione hanno disattivato l'audio dalla camera delle esecuzioni prima delle iniezioni, in modo che i giornalisti presenti non potessero sentire né i rumori emessi dai condannati, né le valutazioni degli executioners su quello che poi, nei rapporti, definiranno “russare”. William Breeden, un consigliere spirituale che ha assistito Corey Johnson durante la sua esecuzione il 14 gennaio 2021, ha riferito che "Corey ha detto che mani e bocca stavano bruciando". Tuttavia, il personale che era nella camera della morte ha affermato di non aver sentito questa dichiarazione di Johnson.
AP ha affermato che "i resoconti giurati dei carnefici, che i documenti del governo hanno citato come prova che le iniezioni letali stavano procedendo senza intoppi, sollevano dubbi sul fatto che i funzionari abbiano indotto in errore i tribunali per garantire che le esecuzioni programmate da luglio a metà gennaio potessero essere compiute prima delll’entrata in carica del nuovo presidente Joe Biden, contrario alla pena di morte” Le prove suggeriscono che i resoconti delle esecuzioni ripuliti dal governo probabilmente hanno contribuito alle decisioni dei tribunali che hanno consentito a tali esecuzioni di procedere.
La giudice federale Tanya Chutkan, che ha ascoltato le contestazioni al protocollo di esecuzione federale, alla fine aveva deciso che le prove non erano sufficienti per fermare le esecuzioni. "Mentre la corte continua a essere preoccupata per la possibilità che i detenuti soffrano di dolori atroci durante le loro esecuzioni", aveva scritto, gli avvocati dei detenuti federali "non hanno provato che sia 'certo' o anche solo 'probabile' che l'edema polmonare istantaneo si verifichi prima che il detenuto venga reso insensibile."
"La segretezza circondava tutti gli aspetti delle esecuzioni", ha scritto AP. “I tribunali si sono affidati a coloro che compivano le esecuzioni chiedendo che evidenziassero, in maniera volontaria, eventuali difetti o carenze, nessun “executioner” ne ha menzionato alcuno."

https://deathpenaltyinfo.org/news/federal-bureau-of-prisons-sanitized-execution-reports-omitting-disturbing-details-observed-by-media-witnesses

(Fonte: DPIC)

Altre news:
ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO
IRAN - Quattro detenuti politici giustiziati nella prigione di Sepidar il 28 febbraio
USA - L’ergastolo senza condizionale applicato ai minorenni
USA - Alla data del 30 dicembre 2020 negli Usa c’erano 203.865 ergastolani
IN QUESTO PAESE CHI SBAGLIA, INDIPENDENTEMENTE DAL PERCORSO CHE POI HA INTRAPRESO, RIMANE SEMPRE COLPEVOLE
PAKISTAN: RIMANDATO L’APPELLO DELLA COPPIA CRISTIANA CONDANNATA A MORTE PER BLASFEMIA
IRAN - Jafar Mansour-Beigi giustiziato il 23 febbraio nella prigione di Adelabad
IRAN: MORTA DUE VOLTE, DI CREPACUORE E DI PENA DI MORTE
PAKISTAN: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Ahmad Araji impiccato il 26 febbraio nella prigione di Irak
IRAN - Hamed Mostafaei giustiziato nella prigione di Arak il 26 febbraio
NIGERIA: IL GOVERNATORE DI JIGAWA APPROVA LA PENA DI MORTE PER GLI STUPRATORI
USA - Oklahoma. I sostenitori di Julius Jones hanno presentato 6,2 milioni di firme per ottenere clemenza
USA - Alabama. Lo stato sta modificando il protocollo di esecuzione
INDIA: L’ALTA CORTE DI BOMBAY ANNULLA UNA CONDANNA A MORTE
IRAQ: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER GLI OMICIDI DEI DUE FIGLI
INDIA: CONDANNATO A MORTE NELL’UTTAR PRADESH PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - “Ehsan” assolto e scarcerato
ONU: BACHELET PLAUDE ALL’IMPEGNO DI BIDEN SULLA PENA CAPITALE
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DELLA MOGLIE E DEL FIGLIO DISABILI
LIBANO: 35 MANIFESTANTI ACCUSATI DI TERRORISMO DAL TRIBUNALE MILITARE
INDIA: FIGLIO DI UNA CONDANNATA A MORTE CHIEDE AL PRESIDENTE LA GRAZIA PER LA MADRE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - Behnam Mahjoubi, condannato a 2 anni, morto per mancanza di cure mediche
USA - Virginia. Abolizione della pena di morte quasi definitiva.
IRAN - Un uomo, identificato solo come Ehsan, rischia la pena di morte per consumo di alcolici
ALGERIA: JIHADISTA CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN FRANCESE
CON CUTOLO È MORTO ANCHE LO STATO DI DIRITTO
LA VITA OLTRE IL FINE PENA MAI, AMBROGIO CRESPI ILLUMINA UN MONDO DOVE REGNA IL BUIO
‘CASO PIÙ RARO TRA I RARI’, PER LA PRIMA VOLTA UNA DONNA VERSO LA FORCA IN INDIA

1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits