Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

AMORE E DIRITTI IN CARCERE: STORIE DI ORDINARIA NEGAZIONE

25 settembre 2021:

Rita Bernardini su Il Riformista del 24 settembre 2021

Coccolone è un bambino affetto da “autismo non verbale”, che ha notevoli difficoltà nell’utilizzo del linguaggio. “Mio figlio tende ad abbracciare e baciare tutti, è il suo modo di comunicare”, mi scrive la madre il 12 giugno scorso. Il carcere (uno dei 15 della Campania), considerate le condizioni del bambino, gli nega la possibilità di incontrare il padre perché – in tempi di Covid – con i suoi abbracci e suoi baci metterebbe a rischio le altre famiglie presenti nella sala comune dei colloqui. In verità la madre aveva chiesto incontri “protetti” o nell’area verde o in una saletta dell’istituto. Niente da fare, per disposizioni superiori, il piccolo avrebbe potuto incontrare suo padre solo a pandemia finita. La madre è disperata… vede soffrire suo figlio che risente moltissimo della mancanza del padre. Attivo i miei canali istituzionali per contrastare l’ottusità burocratica che nega i diritti fondamentali del bambino, senza cavare un ragno dal buco. Fino a che non mi rivolgo al Provveditore Carmelo Cantone che nel frattempo, dopo i fatti di Santa Maria Capua Vetere, ha assunto la reggenza anche della regione Campania. Risolve il problema immediatamente: Coccolone potrà riabbracciare suo padre in una saletta riservata alla famiglia a partire dal prossimo 1° ottobre. Quante volte casi analoghi si verificano nei penitenziari italiani in spregio a quanto previsto dall’Ordinamento Penitenziario? Purtroppo, vicende di questo tipo sono all’ordine del giorno. Lo verificano costantemente esponenti del Partito Radicale e di Nessuno Tocchi Caino: le mura del carcere sono impenetrabili per gli amori e gli affetti checché ne dicano leggi e regolamenti.
Nel carcere di Trapani Franco firma i referendum sulla giustizia e si commuove.
La sala è allestita come un seggio elettorale. Documento alla mano, entrano i detenuti per esercitare il diritto costituzionale di promuovere il referendum. Pur in un luogo di infelicità come lo sono le istituzioni totali di privazione della libertà, si respira tutta la solennità e la bellezza dell’esercizio della democrazia. Nel momento dell’apposizione delle firme, siamo proprio tutti eguali, siamo tutti cittadini-elettori che compiono l’atto potente di convocare l’intero corpo elettorale ad esprimersi su leggi cruciali che riguardano la vita di tutti. Anche gli agenti che hanno organizzato impeccabilmente quella che io chiamo “la cerimonia delle firme” osservano compiaciuti l’ordinato svolgimento dell’iniziativa.
Qualche detenuto coglie l’occasione per rappresentare piccoli problemi, in particolare la richiesta (sacrosanta) di poter essere trasferiti in un istituto più vicino alla propria famiglia. Prendo nota per sollecitare l’amministrazione penitenziaria. Uno di loro, di nome Franco, chiede agli agenti di potermi salutare. Non ha niente da chiedere, mi guarda negli occhi e mi dice “volevo solo ringraziarti per quello che fai, sono un iscritto al Partito Radicale”; si commuove e inizia a piangere a dirotto mentre gli tengo affettuosamente le mani. Per me e per i miei compagni è un momento indimenticabile, ci riconosciamo tutti in quel volto un po’ fanciullesco, emozionato e dolce.
Mi auguro che il DAP, che lodevolmente ha autorizzato la raccolta delle firme referendarie in tutti gli istituti penitenziari, comprenda fino in fondo la portata – ai fini rieducativi – di questa sua decisione. Così come mi auguro che ci sia vera consapevolezza dello stato di abbandono in cui versano gli istituti penitenziari del nostro Paese. Uno stato di abbandono avvertito da tutti coloro che abitano le patrie galere per lavoro o per privazione della libertà. Uno stato di abbandono che richiede interventi strutturali che non possono essere risolti in poco tempo. Uno stato di abbandono che richiede (da subito, da ieri) una drastica riduzione della popolazione detenuta alla quale lo Stato non è in grado di assicurare minimi standard di rieducazione, risocializzazione e persino di salute. I fatti di cronaca lo rimarcano ogni giorno. Si premino, intanto, con una liberazione anticipata più consistente di quella prevista, i detenuti e le detenute che, nonostante tutto, si comportano bene. Lo dico anche alla ministra Marta Cartabia che ha istituito una Commissione per migliorare le condizioni di detenzione: senza ridimensionare la popolazione detenuta ben poco sarà possibile fare anche se si mobilitano le migliori risorse umane come ha fatto la guardasigilli. Chi ha a cuore la Costituzione non può accettare che nemmeno per un giorno si continuino a calpestare i diritti umani fondamentali.

Altre news:
IRAN - Mashallah Sabzi giustiziato
USA - Mississippi Ritirate le accuse contro Sherwood Brown, che il 24 agosto è stato scarcerato
TANZANIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDI
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
USA - Louisiana L’Amministrazione penitenziaria migliora le condizioni di detenzione nel braccio della morte
USA - Texas. Rick Rhoades, 57 anni, bianco, è stato giustiziato
PAKISTAN: TRE CONDANNATI A MORTE PER LO STUPRO DI UNA RAGAZZINA
INDIA: GIOVANE CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - Yasin Abdullahi giustiziato nella prigione di Zahedan il 29 settembre
IRAN - Abbasgholi Salehi, Hamid Shahsanayi e Mohammad Barahouyi giustiziati a Isfahan il 29 settembre
IRAN - Farhad Salehi-Jabehdar giustiziato nella prigione di Karaj il 29 settembre
IRAQ: TRE CONDANNATI A MORTE NEL KURDISTAN IRACHENO
GIORDANIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
PAKISTAN: DONNA CONDANNATA A MORTE PER BLASFEMIA
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO POLITICO
PAPUA NUOVA GUINEA: CORTE SUPREMA APRE LA STRADA A RIPRESA ESECUZIONI
PORTOGALLO: SOSPETTO TERRORISTA INDIANO TEME CONDANNA CAPITALE SE ESTRADATO
CON ROCCO TORNA LA FORCA, IL REGIME ZITTISCE GLI ABOLIZIONISTI
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO A JAZAN PER TERRORISMO
IRAN - Esecuzioni di massa nelle carceri di Taybad, Torbat-e Jam e Mashhad.
IRAN - Amirhossein Hatemi è morto sotto tortura il 23 settembre nel penitenziario di Fashafuyeh
GIAPPONE: CONFERMATA CONDANNA A MORTE DI EX POLIZIOTTO PER OMICIDI DI MOGLIE E FIGLI
VIETNAM: CONDANNA A MORTE PER TRE CORRIERI DELLA DROGA LAOTIANI
USA - Omicidi aumentati del 29% nel 2020
IRAN - Uomo non identificato giustiziato nella prigione di Karaj il 22 settembre
IRAN - Mostafa Shafiei giustiziato nella prigione di Rajai Shahr il 22 settembre
BANGLADESH: CORTE SUPREMA CONFERMA DUE CONDANNE CAPITALI PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
USA - Studio di Alice Project sulle pene estreme tra le donne
IRAN - Ahmad Forouhid giustiziato nella prigione di Boroujerd il 22 settembre

1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits