Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

STATI UNITI. ‘NO’ A NUOVI ALIBI IN FASE DI SENTENZA

22 febbraio 2006: un imputato già riconosciuto colpevole di omicidio non ha alcun diritto costituzionale, nella fase processuale in cui viene stabilita la pena, di presentare nuove evidenze nel tentativo di gettare dubbi sulla propria colpevolezza e di evitare così la condanna a morte.
Lo ha stabilito all’unanimità la Corte Suprema degli Stati Uniti, esaminando il caso di un condannato a morte dell’Oregon.
Il caso in questione riguarda Randy Lee Guzek, riconosciuto colpevole in Oregon di due omicidi e condannato a morte. La Corte Suprema dello Stato aveva ammesso la presentazione, nella fase della sentenza, di un nuovo alibi, fornito dalla madre dell’imputato, secondo cui Guzek non si trovava sul luogo del crimine.
La Corte Suprema dell’Oregon aveva quindi annullato la condanna a morte.
Per i giudici di Washington la Corte Suprema dell’Oregon ha sbagliato nel riconoscere all’imputato il diritto di presentare, nella seconda fase processuale, un nuovo alibi, nel tentativo di evitare il boia.
La Costituzione – ha detto il giudice della Corte Suprema Usa Stephen Breyer – non riconosce all’imputato alcun diritto di questo tipo e lo Stato può limitare le evidenze presentabili in fase di sentenza a quelle già introdotte nel processo originario.
La decisione della Corte Suprema Usa fa sì adesso che il caso Guzek ritorni nei tribunali dell’Oregon, dove potrebbe essere condannato a morte.
L’evidenza che Guzek vorrebbe presentare – ha detto il giudice Breyer – è incongruente rispetto alla sua colpevolezza ed era disponibile al tempo del processo originario. L’evidenza non fa luce sulla maniera in cui Guzek ha commesso il crimine e la sentenza riguarda “come” e non “se” l’imputato ha commesso il crimine, ha detto Breyer.
Mentre Guzek non può quindi chiamare sua madre a testimoniare nella fase della sentenza, le leggi dell’Oregon gli attribuiscono il diritto di presentare dinnanzi alla giuria della fase di sentenza tutte le prove di innocenza introdotte nel processo originario, inclusa la trascrizione della testimonianza della madre, secondo cui la donna si trovava in compagnia del figlio la notte del crimine. (Fonti: Reuters News, 22/02/2006)

Altre news:
CINA. PENA DI MORTE PER GLI SCIPPATORI DEL GUANGDONG
USA. NEL 2005 DIMINUITE LE CONDANNE A MORTE
BANGLADESH. VENTIDUE CONDANNE CAPITALI PER TERRORISMO
PENNSYLVANIA. GIUDICE VIETA ESECUZIONE DI CONDANNATO INSANO DI MENTE
CINA. ‘SONO 8.000 LE PERSONE GIUSTIZIATE OGNI ANNO’
YEMEN. FUCILATO PER OMICIDI SANITARI USA
VIETNAM. LAOTIANO CONDANNATO A MORTE PER DROGA
AFGHANISTAN. CONDANNA A MORTE PER EX CAPO SERVIZI SEGRETI
CINA. PROCESSI D’APPELLO CON UDIENZE PUBBLICHE
IRAN. IMPICCATO IN CARCERE PER STUPRO
FILIPPINE. ARROYO, “IL MIO IMPEGNO PER ABOLIRE LA PENA DI MORTE”
CINA. DUE TAIWANESI GIUSTIZIATI PER TRAFFICO DI DROGA
CALIFORNIA. RINVIO A TEMPO INDETERMINATO ESECUZIONE MORALES
REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO. MILITARE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
CALIFORNIA. DOPO IL ‘NO’ DEGLI ANESTESISTI ESECUZIONE RINVIATA DI ALCUNE ORE
NTC. BASTA CON L’IPOCRISIA DELLA ‘CIVILTA’ DELL’INIEZIONE LETALE
ARIZONA. IL PARLAMENTO CHIEDE SCUSA A KRONE, ESONERATO DAL BRACCIO DELLA MORTE
PAKISTAN. 11 CONDANNE A MORTE PER TENTATO OMICIDIO
COREA DEL SUD. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA VALUTA ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
TURCHIA. RATIFICATO TREDICESIMO PROTOCOLLO ALLA CONVENZIONE EUROPEA SUI DIRITTI UMANI
IRAQ. SADDAM DAVANTI AL BOIA ‘NEI PROSSIMI MESI’
IRAN. IMPICCATO A VENTIDUE ANNI
IRAN. CONTINUANO LE CONDANNE A MORTE DI MINORI
VIETNAM. COMMUTATE CONDANNE CAPITALI DI DUE AUSTRALIANI
IRAN. DUE ESECUZIONI A SHIRAZ
ITALIA. PRESENTATO IL RAPPORTO DI NTC SULLE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI IN IRAN E L’APPELLO PER SALVARE NAZANIN
IRAN. QUINDICENNE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
TEXAS. QUARTO PRIGIONIERO GIUSTIZIATO QUEST’ANNO
FILIPPINE. COMMUTATE 280 CONDANNE A MORTE
GIORDANIA. NOVE CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO

1 2 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits