Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Miguel Torres
Miguel Torres
ITALIA: POSSIBILE ESTRADIZIONE DI MIGUEL TORRES NEGLI USA

22 marzo 2013: una fonte anonima del Dipartimento di Stato Usa (l’equivalente del Ministero degli Esteri) avrebbe dichiarato alla stampa di ritenere che l’Italia potrebbe essere intenzionata ad espellere verso gli Usa Miguel Torres, senza seguire la normale procedura di estradizione.
Torres è stato arrestato dai carabinieri il 15 marzo nella città di Bologna, grazie ad informazioni giunte dalle forze dell’ordine statunitensi.
Torres, 42 anni, di origine ispanica, viveva da alcuni anni a Bologna sotto falso nome lavorando come badante in una famiglia di anziani. Torres è accusato dell’omicidio di 1° grado della moglie Barbara J. West-Torres, che l’uomo avrebbe commesso nel 2005 dopo che la donna aveva avviato le procedure di divorzio. Da allora è sempre stato latitante, al punto di venir considerato una delle 15 persone più ricercate negli usa.
Come è noto l’Italia non dovrebbe concedere l’estradizione di persone che in patria rischiano la pena di morte, ma è altrettanto noto che in alcuni casi recenti c’è stato bisogno della mobilitazione di alcune Ong italiane, in prima fila Nessuno tocchi Caino, per assicurarsi che questa norma venisse rispettata.
Nessuna dichiarazione sul caso Torres da parte del U.S. Justice Department, l’equivalente del Ministero della Giustizia, viene riportata dalla stampa Usa.
Il procuratore distrettuale della Berks County, John T. Adams, titolare del processo, ha dichiarato di non voler chiedere la pena di morte proprio per non avere complicazione nel procedimento di estradizione. La fonte del Dipartimento di Stato ritiene che l’Italia potrebbe avviare una procedura accelerata per il fatto che Torres è entrato in Italia sotto falso nome. In realtà la dichiarazione anonima del Dipartimento di Stato non sembra verosimile, almeno non nei termini esposti.
In questi casi la polemica legale/politica si incentra sulla credibilità delle garanzie che gli Usa forniscono che non chiederanno la pena di morte.
I Ministeri di Giustizia dei vari paesi europei che di volta in volta si trovano ad affrontare problemi di estradizione verso gli Usa tendenzialmente considerano “tecnicamente” sufficienti le garanzie fornite dai colleghi statunitensi. Subentra poi una lettura politica dei fatti, e spesso i paesi europei decidono di non estradare comunque verso gli Usa. (Fonti: readingeagle.com, 22/03/2013)

Altre news:
INDIA: IL 99% DEI CONDANNATI A MORTE EVITA L’ESECUZIONE
MALESIA: SORELLE IRANIANE CONDANNATE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
EMIRATI ARABI: UCRAINO PERDONATO E LIBERATO
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO E CROCIFISSO PER OMICIDIO E SODOMIA
CINA: TRE CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGHE
IRAQ: A MARZO ALMENO 18 ESECUZIONI
EMIRATI ARABI UNITI: CAMERIERA ETIOPE CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA COLLEGA
GEORGIA (USA): PARLAMENTO APPROVA MENO INFORMAZIONI SULLE INIEZIONI LETALI
IRAN: SEI CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER STUPRO
DELAWARE (USA): SI’ DEL SENATO AD ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
YEMEN: COMMUTATE DUE CONDANNE A MORTE PER SPIONAGGIO
ZIMBABWE: DUE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE CONFERMATE DALLA CORTE SUPREMA
NESSUNO TOCCHI CAINO A MINISTRO SEVERINO: MIGUEL TORRES NON SIA ESPULSO NEGLI USA
EGITTO: MUSULMANO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI DUE COPTI
EMIRATI ARABI UNITI: CONDANNA CAPITALE COMMUTATA IN CINQUE ANNI DI PRIGIONE
ARABIA SAUDITA: CONDANNATO A MORTE PER AVER PROCURATO ABORTI A 40 DONNE
GAZA: CONDANNATO A MORTE PER COLLABORAZIONISMO
DUBAI: CORTE D’APPELLO ANNULLA CONDANNA A MORTE
PORTORICO: CONDANNA A MORTE EVITATA
INDIA: I DUE MARÒ ITALIANI NON RISCHIANO LA CONDANNA A MORTE
MALDIVE: CONDANNA A MORTE ANNULLATA
INDIA: CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE CONFERMATA PER ATTENTATORE DI MUMBAI
INDIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
EMIRATI ARABI UNITI: CORTE SUPREMA CONFERMA DUE CONDANNE CAPITALI
TAIWAN: PREMIER, LE ESECUZIONI CONTINUERANNO
NEBRASKA (USA): COMMISSIONE GIUSTIZIA APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
PENA DI MORTE: ULTIMO APPELLO DI ANTHONY FARINA CONTRO LA SUA ESECUZIONE IN FLORIDA
INDONESIA: PRIMA ESECUZIONE DAL 2008
MARYLAND (USA): VICINI ALL’ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
MALESIA: GIARDINIERE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO

1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits