Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Armita Garavand (Courtesy of Iranintl)
IRAN - Armita Garavand (Courtesy of Iranintl)
IRAN - L’adolescente Armita Garavand è morta

28 ottobre 2023:

28/10/2023

IRAN

L’adolescente Armita Garavand è morta.

Armita Garavand (Geravand), una studentessa di 16 anni che ha subito un trauma cranico in uno scontro con la ‘polizia morale’, è stata dichiarato morta sabato 28 ottobre.
Il 1° ottobre, Armita, una studentessa di liceo, è entrata in coma dopo essere stata fermata, secondo quanto riportato da fonti indipendenti, da una agente donna addetta alla sorveglianza ‘morale’ sui vagoni della metropolitana di Teheran. Come è noto la ’polizia morale’, un corpo paramilitare, vigila sull’osservanza delle leggi islamiche sulla “decenza” che i cittadini devono tenere in pubblico, in particolar modo su come si vestono le donne, e su come indossano lo hijab, ossia il foulard che deve coprire i capelli e parte del volto. Nonostante la pubblicazione di alcuni secondi di un video di sorveglianza della metropolitana, da cui non si capisce molto, manca una ricostruzione attendibile dei fatti, con le autorità iraniane che sostengono che la ragazza non sia stata affatto affrontata da una agente, ma abbia avuto uno svenimento per cause naturali, e svenendo avrebbe battuto la testa. Mancano testimonianza ufficiali sul fatto, e la ragazza non è stata ricoverata in un ospedale normale, ma in un ospedale militare, e quindi anche le fonti mediche sono molto scarse. Tutte le organizzazioni per i diritti umani che si occupano di Iran sono però concordi sul fatto che una agente donna ha spinta Armita che era appena entrata in un vagone, e che la ragazza sarebbe caduta, battendo la testa, a seguito di questa spinta. Pochi giorni dopo l’evento, la madre della ragazza era stata arrestata perché ‘insisteva a fare domande’. Attorno alla ragazza, da subito caduta in coma e mai operata perché, a quanto pare, i medici dell’ospedale Fajr di Teheran consideravano le sue condizioni troppo gravi, il governo ha steso un cordone di polizia, per impedire che fotografie o informazioni raggiungessero il pubblico. Già da qualche giorno i media filogovernativi avevano fatto circolare la notizia che la ragazza era considerata “cerebralmente morta”.
In precedenza, Iran International aveva ricevuto informazioni secondo cui la famiglia di Armita Garavand aveva subito pressioni da parte delle autorità affinché in caso di morte trasferissero discretamente il suo corpo da Teheran a Jafar Abad, nella regione di Kermanshah, rivelando che questa disposizione era stata data personalmente del leader iraniano, Ali Khamenei.
Dopo la morte di Mahsa Amini nel settembre 2022, il regime clericale iraniano teme una recrudescenza delle estese proteste anti-establishment e del movimento “Donne, Vita, Libertà” visti lo scorso anno.
Le circostanze del caso di Garavand ricordano da vicino quelle della morte di Mahsa Amini l'anno scorso mentre era sotto la custodia della polizia morale. In entrambi i casi, il regime ha negato ogni addebito, ma ha fatto pressione sulle famiglie affinché si astenessero dal parlare ai media.
La spiegazione del regime su cosa abbia causato la morte di questa adolescente è stata messa in discussione sui social media. Molti sottolineano che è stata "uccisa" da chi vigila sull’uso obbligatorio dello hijab, proprio come nel caso di Mahsa Amini, quando il governo ha cercato di offrire una spiegazione secondo cui aveva problemi di salute preesistenti, ma il pubblico non ci credeva.
Le informazioni ottenute da Iran International avevano indicato che altri membri della famiglia e parenti di Armita Garavand erano stati minacciati e gli era stato vietato di discutere delle sue condizioni con i media.
La famiglia Garavand e i suoi parenti temevano che gli agenti di sicurezza potessero aver installato dispositivi di intercettazione o telecamere all'interno delle loro residenze, facendoli sentire insicuri nelle proprie case.
Inoltre, i suoi genitori dovevano firmare una dichiarazione in cui si impegnavano a non sporgere denuncia contro "nessun individuo, organizzazione o entità".
La sua morte ha scatenato un’ondata di reazioni immediate da parte di attivisti, giornalisti e altri che si sono rivolti ai social media per protestare contro il regime e piangere la sua scomparsa.
Behnam Gholipour, giornalista, ha scritto su X: "Il sistema politico che ha ucciso questa dolce ragazza è il portabandiera di Gaza".
Anche il commentatore politico iraniano Sadegh Zibakalam ha espresso le sue condoglianze alla famiglia di Armita per la sua scomparsa, dicendo: "Spero che la sua morte induca il sistema a riconsiderare la sua posizione sullo hijab obbligatorio. Quanti Mahsa e giovani Armita devono essere sepolti prima che le autorità accettino che tu non si può costringere le persone a indossare lo hijab, o a toglierlo?"
Nel primo anniversario della morte di Mahsa Amini, avvenuta a metà settembre, il parlamento iraniano ha approvato una severa "legge sullo hijab" che, se violata, può comportare dieci anni di reclusione. L'establishment teocratico iraniano impone alle donne di indossare lo hijab dal 1979, quando lo Scià laico fu rovesciato. Tuttavia, il movimento "Donne, Vita, Libertà" ha permesso a più donne di apparire senza velo in luoghi pubblici, inclusi centri commerciali, ristoranti e negozi.
In risposta al ricovero di Armita Garavand, diverse importanti Ong internazionali, e di esuli iraniani, hnno chiesto alla comunità internazionale di sollecitare le autorità iraniane a consentire ad una delegazione internazionale indipendente, comprendente esperti delle Nazioni Unite, di indagare sull'incidente.
Sul caso di Armita Garavand vedi anche Nessuno tocchi Caino 04/10/2023, 12/10/2023, 22/10/2023.

Teenage Iranian Girl Injured In Hijab Incident Dies In Hospital | Iran International (iranintl.com)

 

(Fonte: iranintl.com)

Altre news:
USA - Pennsylvania. Voto preliminare per l’abolizione della pena di morte
PAKISTAN: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN ERGASTOLO
ROMA: UNA VEGLIA PER ARMITA DAVANTI ALL’AMBASCIATA IRANIANA
IRAN - Heydar Salkhord, Shahab Sadeghzadeh e Mansour Taqvaei giustiziati a Shiraz il 30 ottobre
IRAN - Uomo non identificato giustiziato il 30 ottobre
IRAN - Jalil Nutizehi giustiziato a Isfahan il 30 ottobre
IRAN - Hamid Takavar giustiziato a Karaj il 30 ottobre
VEGLIA PER ARMITA
CINA: CONDANNATO A MORTE PER AVER ACCOLTELLATO 15 PERSONE
IRAN - almeno 78 esecuzioni nel mese di ottobre
IRAN - Jalal Vahdati e Khalil Mohammadi giustiziati a Khorramabad il 30 ottobre
INDONESIA: OTTO IRANIANI CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER UN OMICIDIO LEGATO ALLA DOTE
USA - MORTE PER PENA: attivisti chiedono all’Onu di prendere posizione contro “l’altra pena di morte”
CLAUDIO E SIMONA, LA GALERA E LA MALATTIA: DUE PRIGIONI E UNA SOLA STORIA
IRAN - Armita Garavand è stata sepolta in condizioni di stretta sicurezza a Teheran il 29 ottobre
IRAN - Shamsollah Banani giustiziato ad Ahar il 29 ottobre
PIÙ TASSE E PIÙ REATI, ECCO I TRAGUARDI DELLA PENA DI MORTE
IRAN - Davood Behzadi giustiziato a Esfarayen il 28 ottobre
QATAR: OTTO INDIANI CONDANNATI A MORTE PER SPIONAGGIO IN FAVORE DI ISRAELE
USA - Alabama. Condanna a morte per Tapero Johnson
IRAN - "Negli ultimi giorni in una delle carceri di Teheran" è stato giustiziato un uomo
SOMALIA: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMILITONE
USA - Texas. Sospesa l'esecuzione di William Speer
IRAN - 5 uomini giustiziati a Birjand il 26 ottobre
IRAN - Amir Hossein Dashtban giustiziato a Tabriz il 26 ottobre
MILANO: 27 OTTOBRE CONVEGNO ‘CARCERE, LAVORO E SVILUPPO SOSTENIBILE’
MYANMAR: I MILITARI CONDANNANO A MORTE SETTE UOMINI PER OMICIDIO
USA - Ohio. Commutata in ergastolo senza condizionale la condanna a morte di Michael R. Turner.
IRAN - 2 uomini non identificati giustiziati a Karaj il 25 ottobre

1 2 3 4 5 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits