Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - From l. to r. Anthony Hingle, Kelly Savage-Rodriguez, Stanley Jamel Bellamy, Patricia Vickers, Nikki Grant, and Robert Saleem Holbrook
USA - From l. to r. Anthony Hingle, Kelly Savage-Rodriguez, Stanley Jamel Bellamy, Patricia Vickers, Nikki Grant, and Robert Saleem Holbrook
USA - MORTE PER PENA: attivisti chiedono all’Onu di prendere posizione contro “l’altra pena di morte”

29 ottobre 2023:

29/10/2023 - MORTE PER PENA: attivisti chiedono all’Onu di prendere posizione contro “l’altra pena di morte”.
Negli Stati Uniti, circa 200.000 persone stanno scontando condanne all’ergastolo, o condanne così lunghe che di fatto superano abbondantemente le normali aspettative di vita. Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, nella sessione autunnale che si sta tenendo a Ginevra, ha ascoltato le testimonianze di alcuni attivisti statunitensi, alcuni dei quali sono ex-ergastolani.
Le Nazioni Unite si concentrano spesso sulla pena capitale quando valutano la situazione dei paesi in materia di diritti umani, ma l'analisi che il Comitato quest'anno sta effettuando sugli Stati Uniti ha acceso un faro su "l'altra pena di morte": la morte per incarcerazione.
La morte per incarcerazione (Death by incarceration, DBI) si riferisce a pratiche di condanna estreme, tra cui l'ergastolo senza condizionale, l'ergastolo con condizionale, e gli "ergastoli virtuali" (ossia condanne a più di 50 anni di detenzione).
Solitamente viste come un'alternativa alle esecuzioni, queste misure punitive sono solo un'altra forma di condanna a morte, hanno sostenuto gli attivisti durante la sessione dedicata Stati Uniti, la cosiddetta “revisione periodica”, recentemente conclusa all’interno della 139a Sessione dello United Nations Human Rights Committee a Ginevra, in Svizzera.
Uno dei relatori in Svizzera è stato Stanley Jamel Bellamy, della campagna Releasing Aging People in Prison (RAPP) di New York. Aveva solo 23 anni quando nel 1987 gli fu comminata una pena minima di 62,5 anni, il che significava che non avrebbe potuto presentarsi davanti alla commissione per la libertà vigilata fino all'età di 85 anni, sempre che fosse riuscito a vivere così a lungo.
"A causa del mio stile di vita e delle condizioni di salute, non avrei potuto in alcun modo arrivare a 85 anni, quindi era importante per me riconoscere che stavo scontando una condanna a morte", ha detto Bellamy la scorsa settimana.
Ciò che rende unica l'esperienza di Bellamy non è il tanto tempo passato in prigione, ma piuttosto il fatto che ne sia uscito. Dopo più di 37 anni dietro le sbarre, la governatrice di New York Kathy Hochul ha commutato la sua condanna nel dicembre 2022.
"Gli Stati Uniti dovrebbero vergognarsi di sé stessi perché siamo l'unico paese che parla di persone usa e getta", ha detto Bellamy. "A livello internazionale dobbiamo fare pressione sugli Stati Uniti e fargli capire che le persone cambiano".
"Siamo esseri umani e abbiamo bisogno di essere riconosciuti come tali", ha continuato. "Abbiamo dei diritti e uno di questi è quello di non essere torturati perché questa è una condanna alla tortura".
La morte per incarcerazione (DBI) è un problema pervasivo che, secondo i suoi sostenitori, viola il diritto alla vita e il diritto a essere liberi dalla tortura, garanzie previste dal Patto internazionale sui diritti civili e politici, ratificato dagli Stati Uniti nel 1992.
Secondo uno studio di The Sentencing Project pubblicato nel febbraio 2021 (che NtC ha riassunto in una notizia pubblicata il 27/02/2021) oltre 200.000 detenuti negli Stati Uniti stanno scontando una qualche forma di ergastolo. Di questi, circa il 46% sono neri, sebbene i neri costituiscano solo il 13,6% della popolazione totale degli Stati Uniti. Considerando come persone di colore anche gli ispanici, oltre 2/3 dei tre tipi di ergastolani sono di colore.
Una volta dentro, le persone incarcerate sono spesso costrette a svolgere lavori massacranti per un compenso minimo o nullo (quasi l’intero compenso viene detratto per pagare le spese di mantenimento in carcere e per un fondo di risarcimento alle vittime, con un compenso netto che spesso non supera i 5 dollari al mese). Chi resiste viene sottoposte a punizioni tortuose, con pratiche che molti vedono come una continuazione diretta dell’eredità di colonialismo e riduzione in schiavitù degli Stati Uniti.
Per Anthony Hingle del Visiting Room Project, coloro che sono rinchiusi con l'ergastolo sono i "morti che camminano". Sa in prima persona cosa si prova, avendo trascorso 32 anni dietro le sbarre nel penitenziario statale della Louisiana (noto anche come Angola), il sito di un'ex piantagione di schiavi.
"In realtà hai una condanna a morte, è solo una morte lenta. Mentre la stai scontando, loro ne trarranno beneficio perché ti schiavizzeranno per decenni", ha detto Hingle.
"Stiamo facendo lo stesso lavoro che facevano i nostri antenati decenni fa", ha aggiunto. "Queste sentenze DBI sono state create da piattaforme elettorali di chi si professava “duro contro il crimine”, e anche per mantenere viva una nuova versione della tratta degli schiavi."
Sopravvivere all’ingiustizia del DBI è ciò che ha motivato molti dei testimoni che hanno presentato le loro storie davanti alle Nazioni Unite a spingere per il cambiamento.
"Non ne usciremo mai se non combattiamo tutti insieme. Abbiamo tutti una condanna a morte se non la cambiamo l'una con l'altra", ha spiegato Kelly Savage-Rodriguez, che ha scontato 23 anni di un ergastolo senza condizionale prima di essere rilasciata nel 2018.
Mentre Savage-Rodriguez e la California Coalition for Women Prisoners affrontavano la violenza istituzionale nel Golden State, sforzi simili erano in corso in altre carceri in tutto il paese.
Robert Saleem Holbrook, direttore esecutivo dell'Abolitionist Law Center con sede in Pennsylvania, era un adolescente quando fu condannato all'ergastolo per coinvolgimento in un omicidio legato alla droga nel 1990, anche se non era stato lui a sparare. Quando arrivò in prigione e vide centinaia di persone che gli somigliavano, arrivò a credere che quella situazione non fosse casuale, che qualcuno l’avesse progettata. Incontrare prigionieri politici neri che si erano organizzati per migliorare le loro comunità quando erano incarcerati non fece altro che consolidare la sua determinazione a reagire.
"Ci siamo resi conto che avevamo bisogno di qualcuno che parlasse per noi, ma il carcere e l'industria del no-profit non lo avrebbero fatto", ha pensato Holbrook. Convintosi di questo, ha studiato legge, uno strumento per difendere sé stesso e gli altri rinchiusi con pene ingiustamente spropositate.
"Quando vai in prigione a 16 anni e pesi 56 chili, devi imparare a dare pugni al di sopra del tuo peso", ha detto.
Anche se un tempo era inimmaginabile, il rilascio dal carcere non ha rappresentato la fine del viaggio per Bellamy, Hingle, Savage-Rodriguez o Holbrook.
Tutti e 4 gli ex ergastolani hanno condiviso le loro storie personali a Ginevra per migliorare le terribili condizioni in cui versano oggi decine di migliaia di persone attualmente incarcerate negli Stati Uniti.
I membri del Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite sono stati chiaramente commossi dalle testimonianze, facendo riferimento direttamente alla morte per incarcerazione nelle loro osservazioni e chiedendo alla delegazione del governo degli Stati Uniti di spiegare la sproporzione dei detenuti di colore.
Oltre a ciò, ai funzionari dell’amministrazione Biden è stato chiesto di condividere quali misure stanno adottando per ridurre l’uso dell’isolamento nelle carceri, anche per i minorenni, e per garantire che tali punizioni siano limitate a un massimo di 15 giorni.
I rappresentanti della società civile delle ONG di tutto il paese hanno espresso frustrazione per le risposte degli Stati Uniti alle crisi affrontate dalle loro comunità, che a molti sono sembrate eccessivamente generiche e sprezzanti. Tuttavia, hanno apprezzato che i membri del comitato delle Nazioni Unite abbiano ascoltato le loro richieste per una trasformazione globale del sistema carcerario americano e abbiano insistito sulla questione durante gli interventi.
Il Comitato per i Diritti Umani potrebbe dare ulteriore slancio alla causa abolizionista chiedendo la fine della morte per incarcerazione nelle sue osservazioni e raccomandazioni conclusive, la cui pubblicazione è prevista per il 3 novembre.

https://www.tag24.com/justice/death-by-incarceration-reform-advocates-at-un-call-for-end-to-the-other-death-penalty-2988952

(Fonte: tag24.com, 29/10/2023)

Altre news:
PAKISTAN: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN ERGASTOLO
USA - Pennsylvania. Voto preliminare per l’abolizione della pena di morte
ROMA: UNA VEGLIA PER ARMITA DAVANTI ALL’AMBASCIATA IRANIANA
IRAN - Heydar Salkhord, Shahab Sadeghzadeh e Mansour Taqvaei giustiziati a Shiraz il 30 ottobre
IRAN - Uomo non identificato giustiziato il 30 ottobre
IRAN - Jalil Nutizehi giustiziato a Isfahan il 30 ottobre
IRAN - Hamid Takavar giustiziato a Karaj il 30 ottobre
IRAN - almeno 78 esecuzioni nel mese di ottobre
IRAN - Jalal Vahdati e Khalil Mohammadi giustiziati a Khorramabad il 30 ottobre
CINA: CONDANNATO A MORTE PER AVER ACCOLTELLATO 15 PERSONE
VEGLIA PER ARMITA
INDONESIA: OTTO IRANIANI CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER UN OMICIDIO LEGATO ALLA DOTE
PIÙ TASSE E PIÙ REATI, ECCO I TRAGUARDI DELLA PENA DI MORTE
CLAUDIO E SIMONA, LA GALERA E LA MALATTIA: DUE PRIGIONI E UNA SOLA STORIA
IRAN - Armita Garavand è stata sepolta in condizioni di stretta sicurezza a Teheran il 29 ottobre
IRAN - Shamsollah Banani giustiziato ad Ahar il 29 ottobre
IRAN - Davood Behzadi giustiziato a Esfarayen il 28 ottobre
QATAR: OTTO INDIANI CONDANNATI A MORTE PER SPIONAGGIO IN FAVORE DI ISRAELE
IRAN - L’adolescente Armita Garavand è morta
USA - Alabama. Condanna a morte per Tapero Johnson
IRAN - "Negli ultimi giorni in una delle carceri di Teheran" è stato giustiziato un uomo
SOMALIA: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMILITONE
USA - Texas. Sospesa l'esecuzione di William Speer
IRAN - 5 uomini giustiziati a Birjand il 26 ottobre
IRAN - Amir Hossein Dashtban giustiziato a Tabriz il 26 ottobre
MILANO: 27 OTTOBRE CONVEGNO ‘CARCERE, LAVORO E SVILUPPO SOSTENIBILE’
MYANMAR: I MILITARI CONDANNANO A MORTE SETTE UOMINI PER OMICIDIO
USA - Ohio. Commutata in ergastolo senza condizionale la condanna a morte di Michael R. Turner.
IRAN - 2 uomini non identificati giustiziati a Karaj il 25 ottobre

1 2 3 4 5 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits