Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

FLOYD E I POLIZIOTTI RAMBO: A CHE SERVONO AEREI E FUCILI?

1 maggio 2021:

Matteo Angioli su Il Riformista del 30 aprile 2021

Il 20 aprile, dopo un processo durato tre settimane, la giuria del tribunale blindato di Minneapolis ha giudicato colpevole l’ex agente di polizia Derek Chauvin, bianco, per l’omicidio di George Floyd, nero, per asfissia indotta da una pressione sul collo per 9 minuti e 29 secondi. L’imputato è stato ritenuto responsabile di tutti e tre i capi d’accusa formulati: omicidio di secondo e terzo grado e omicidio colposo. L’effetto cumulativo risulterebbe in 75 anni di reclusione. Siccome le tre condanne sono legate a una singola azione e Chauvin non ha precedenti, il codice penale del Minnesota stabilisce che è l’accusa più grave ad essere presa in considerazione. Nel caso, l’omicidio di secondo grado, che prevede una pena massima di 40 anni. Bisognerà comunque attendere il 16 giugno per conoscere la sentenza finale e le motivazioni.
Mentre seguivo il processo mi è rimbombata in testa una parola: ragionevole. L’ha pronunciata l’avvocato difensore dicendo che “Chauvin ha agito come avrebbe fatto un qualsiasi agente ragionevole”. Magari fino al 1964, quando sotto il regime segregazionista statunitense non era solo “ragionevole” ma perfino legale pestare e calpestare gli afroamericani e i loro diritti fondamentali. Non basta: lo stesso avvocato ha evidenziato che la vittima soffriva di patologie pregresse, tra cui ipertensione e cuore ingrossato. Dall’altra parte, il procuratore ha detto: “la difesa ha sostenuto che Floyd è morto perché aveva il cuore troppo grande, ma in realtà è morto perché il cuore di Chauvin è troppo piccolo.” Troppo piccolo, forse. Militarizzato, sicuramente. Perché in ciò consiste buona parte del problema: la militarizzazione crescente delle forze dell’ordine che, unita ad un ampio uso del diritto penale, invera il pericolo denunciato dal Presidente Eisenhower nel
  1961, ovvero la perdita delle libertà e dei processi democratici provocata dai prevalenti interessi del complesso militare industriale (e congressuale).
Secondo il Security Policy Reform Institute, sono almeno 336.863 le attrezzature militari trasferite alle agenzie di polizia in tutti gli Stati Uniti mediante il “Programma 1033”, istituito nel 1997. Il prof. Kraska, della Eastern Kentuky University, ha calcolato che tra il 2006 e il 2014 il Dipartimento di Giustizia ha trasferito all’80% delle agenzie di law enforcement locali e statali 600 veicoli antimine, 79.288 fucili automatici, 205 fucili lanciagranate, 11.959 baionette, 50 aerei, 422 elicotteri e uniformi tattiche per un valore di 3.6 milioni di dollari. Provenienza: il ritiro dell’esercito dai teatri di guerra in Medio Oriente.
Si tratta di armi ed equipaggiamenti che richiedono tecniche di impiego e addestramenti specifici. Si formano agenti di polizia con una mentalità da scontro, da guerra, da guerriglia urbana. Il manifestante non è più un cittadino, ma un nemico. Il poliziotto non è più una figura che ispira protezione e fiducia. Il ginocchio non è più un arto, è un’arma.
Nonostante la politica di disimpegno militare perseguita da Trump nello scenario mondiale, il complesso militare industriale è ben vivo. Lo è grazie ad una guerra sempre meno occulta che gli Stati Uniti stanno importando e che rende quasi impossibile riformare un sistema che produce i Chauvin.
Invertire la rotta è complicatissimo ma non impossibile. Due misure potrebbero essere attuate in maniera relativamente rapida, dati i numeri in Congresso: la prima è la chiusura del “Programma 1033” che consente alle forze dell'ordine statali e locali di acquisire, sostenendo solo i costi di spedizione, armi e attrezzature di tipo militare in eccesso. La seconda è il ritorno al dialogo e al dibattito nelle istituzioni e quindi nel Paese. Biden dovrebbe ridurre il ricorso agli ordini esecutivi e
rinunciare a governare per decreto. Significa non aggirare il Parlamento, soprattutto quando i temi potrebbero trovare un consenso bipartisan.
Finora però, in termini di ordini presidenziali emessi, Biden è stato il più attivo di tutti i presidenti dal 1945. Nel periodo dal 20 gennaio al 25 aprile del loro primo mandato, gli ordini esecutivi di Biden, Trump, Obama e Bush sono, in ordine cronologico: Biden 40, Trump 23, Obama 19, Bush 11. Il totale è: Trump 220, Obama 276, Bush 291. Anziché agire unilateralmente, Biden dovrebbe includere il Congresso senza temere di implicare un organo istituzionale talvolta troppo lento, se non incapace, di legiferare. È spossante ma è ciò che distingue la democrazia dagli “efficienti” regimi autoritari.

(Fonti: Il Riformista, 30/04/2021)

Altre news:
PAKISTAN: DUE RELIGIOSI CONDANNATI A MORTE PER IL SEQUESTRO E OMICIDIO DI UNO STUDENTE
ARABIA SAUDITA: GIOVANE SCIITA GIUSTIZIATO PER AVER PARTECIPATO A RIVOLTA ANTI-GOVERNATIVA
IRAQ: MEMBRO DI AL-QAEDA CONDANNATO A MORTE
SOMALIA: 17 MEMBRI DI AL-SHABAAB CONDANNATI A MORTE NEL PUNTLAND
USA - Esitazioni e contraddizioni di Biden sulla pena di morte
USA - Alabama. "Quasi pronti a giustiziare con l'azoto"
INDIA: 10 CONDANNATI A MORTE IN BIHAR PER L’OMICIDIO DI UN UOMO D’AFFARI
EGITTO: CONDANNE A MORTE DEFINITIVE PER 12 MEMBRI DELLA FRATELLANZA MUSULMANA
USA - Atei e agnostici fortemente più contrari alla pena di morte rispetto ai "religiosi"
BIELORUSSIA: ‘PROBABILMENTE GIUSTIZIATO’ IL PRIGIONIERO DEL BRACCIO DELLA MORTE VIKTAR PAULAU
BOTSWANA: IMPICCATO PER GLI OMICIDI DELLA FIDANZATA E DEL FIGLIO
ETIOPIA: RAGAZZO GIUSTIZIATO IN PUBBLICO IN OROMIA
IL PERDONO DI UN PADRE FERMA IL BOIA: ASSASSINO GRAZIATO IN ARABIA SAUDITA
INDIA: OFFERTA DI LAVORO PER L’UOMO SALVATO DALL’ESECUZIONE NEGLI EAU
OPERAZIONE ‘SPES CONTRA SPEM’, LA DDA USURPA LE PAROLE DI SAN PAOLO
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO DI UNA RAGAZZA DISABILE
GAZA: UNA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
USA - Secondo messaggio di Gerald Marshall
IRAN - Legge contro i "cittadini giornalisti"
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato il 9 giugno
TUNISIA: UOMO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN POLIZIOTTO
ZAMBIA: INSEGNANTE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA EX MOGLIE
USA - Texas. Raymond Riles condannato all’ergastolo
COREA DEL NORD: KIM JONG-UN VIETA JEANS E FILM STRANIERI, PENA I CAMPI DI LAVORO E LA MORTE
REGNO UNITO: FAMILIARI DI DUE CONDANNATI A MORTE IN ARABIA SAUDITA CHIEDONO INTERVENTO DI RAAB
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DEL FIGLIO DI 10 ANNI
COREA DEL NORD: FUNZIONARI GIUSTIZIATI PER ORDINE DELLA SORELLA DI KIM JONG UN
IRAN - Sasan Niknafas, attivista civile, morto in carcere
ITALIA - 100 libri donati alla Casa Circondariale di Lecce
IRAN - Shahin Mirkhani giustiziato nella prigione di Shirvan il 6 giugno

1 2 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits