Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN - Eighty-two human rights organizations
IRAN - Eighty-two human rights organizations
IRAN - 82 Ong criticano l'Onu per l'acquiescenza nei confronti dell'Iran e le esecuzioni per droga

10 aprile 2024:

10/04/2024 - IRAN. 82 ONG: L'UNODC deve fermare la complicità nelle esecuzioni per droga in Iran
IHR e 81 organizzazioni e gruppi iraniani e internazionali hanno chiesto un'azione congiunta per fermare le esecuzioni legate alla droga, esortando l'UNODC a subordinare "qualsiasi cooperazione con la Repubblica islamica al completo arresto delle esecuzioni legate alla droga". Hanno annunciato l'avvio di una campagna internazionale di massa a questo proposito.
La dichiarazione recita: "Siamo preoccupati che altre centinaia di persone saranno giustiziate nei prossimi mesi se non aumenterà il costo politico di queste esecuzioni per la Repubblica islamica. Invitiamo tutte le organizzazioni e gli attivisti per i diritti umani a partecipare a una speciale campagna globale per fermare le esecuzioni per droga in Iran".
Commentando la necessità di un'azione congiunta, Mahmood Amiry-Moghaddam, direttore di Iran Human Rights e uno degli organizzatori dell'appello, ha dichiarato: "Con l'obiettivo di instillare la paura e prevenire ulteriori proteste, la Repubblica islamica nel 2023 ha giustiziato almeno 471 persone per droga, senza alcun costo e conseguenza politica". Ha proseguito: "Questa azione congiunta serve a sensibilizzare la comunità internazionale e l'opinione pubblica sulle esecuzioni per droga in Iran e ad aumentare il costo politico di queste esecuzioni per le autorità". L'esecuzione di più di una persona al giorno con il pretesto di reati legati alla droga dovrebbe diventare intollerabile per la popolazione e la comunità internazionale".

Appello ad un'azione congiunta per fermare le esecuzioni per droga in Iran
La pena di morte o l'omicidio di Stato sono lo strumento più importante della Repubblica islamica per instillare la paura nella società e mantenere il potere. Le esecuzioni in Iran sono aumentate drasticamente dopo la rivolta "Donna, vita, libertà", con almeno 834 persone giustiziate nel 2023.
Nel 2023, più della metà delle esecuzioni registrate in Iran sono state effettuate per accuse legate alla droga. Almeno 471 persone sono state giustiziate senza alcun contraccolpo o costo politico per la Repubblica islamica. La maggior parte delle persone giustiziate proviene da comunità disagiate ed emarginate. Il numero di esecuzioni eseguite nelle regioni etniche, in particolare di curdi e baluchi, è sproporzionatamente alto rispetto alla loro popolazione. Nel 2023, 1/3 delle persone giustiziate per accuse legate alla droga erano di etnia baluca.
Gli imputati per droga vengono condannati a morte dai tribunali rivoluzionari sulla base di confessioni influenzate dalla tortura, senza un giusto processo e senza la possibilità di avere un avvocato.
Le esecuzioni per droga non hanno ricevuto un'adeguata reazione internazionale e la loro applicazione quotidiana è stata accolta dal silenzio dei media. Ciò ha fatto sì che le autorità abbiano eseguito un numero di esecuzioni per droga 18 volte superiore nel 2023 rispetto al 2020, con un costo politico minimo.
D'altra parte, l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC), che collabora con l'Iran nella lotta al traffico di droga, non solo ha taciuto sul forte aumento delle esecuzioni per droga, ma ha firmato un nuovo accordo con la Repubblica Islamica nel maggio 2023. Oltre a legittimare l'uso della pena di morte da parte dello Stato, questa cooperazione porta ad un aumento delle esecuzioni attraverso aiuti finanziari e attrezzature.
Temiamo che altre centinaia di persone saranno giustiziate nei prossimi mesi se non aumenteremo il costo politico di queste esecuzioni per la Repubblica Islamica. Invitiamo tutte le organizzazioni e gli attivisti per i diritti umani a partecipare a una speciale campagna globale per fermare le esecuzioni per droga in Iran.
L'obiettivo della campagna è quello di far sentire la voce delle vittime più indifese della macchina di esecuzioni e intimidazioni della Repubblica islamica. Esortiamo inoltre l'UNODC a subordinare qualsiasi cooperazione con la Repubblica islamica alla completa cessazione delle esecuzioni per droga.
Firmatari:
Iran Human Rights (IHRNGO)
International Committee Against Execution (ICAE)
Global Campaign to Stop Executions In Iran
World Coalition Against the Death Penalty
Defenders of Human Rights Center (Shirin Ebadi)
Ensemble contre la peine de mort (ECPM)
Harm Reduction International
Kurdistan Human Rights Association - Geneva
Haalvsh
The Baloch Activists Campaign
Kurdistan Human Rights Network (KHRN)
6Rang (Iranian Lesbian and Transgender Network)
Kurdpa Human Rights Organization
Ahwaz Human Rights Organisation (AHRO)
Justice for Iran
Iran Human Rights Documentation Center
Association for the Human Rights of the Azerbaijani People in Iran (AHRAZ)
Center for Human Rights in Iran
United for Iran (U4I)
Hengaw Organization for Human Rights
HANA Human Rights Organization
Balochistan Human Rights Group
Rasanak
All Human Rights for All in Iran
United to End Executions in Iran
The Sunny Center Foundation (USA)
Nessuno tocchi Caino/Hands Off Cain
Abolition Death Penalty of Iraq Organization
Rescue Alternatives Liberia
ACAT Belgique
The Christian Union for Progress and Human Rights, DRC
Grupo de Apoyo Mutuo, Guatemala
Death Penalty Focus (USA)
Key and Vulnerable Population Tanzania (KVP Forum)
Capital Punishment Justice Project, Australia
Eleos Justice, Monash University, Australia
ACAT Germany (Action by Christians for the Abolition of Torture)
German Coalition to Abolish the Death Penalty (GCADP)
Federal Association of Vietnamese Refugees in the Federal Republic of Germany
Transitional Justice Working Group (TJWG), South Korea
Humanity Diaspo, France
Italian Federation for Human Rights (FIDU)
SALAM DHR (Bahrain)
ACAT France
Campaign to Free Political Prisoners in Iran (CFPPI)
Association des Chercheurs Iraniens (ACI)
ArcDH Human Rights of Azerbaijanis of Iran
Kanoon-e Khavaran
NIKA, Network of Iranians for Liberty and Democracy
Free Them Now
Frauen für Freiheit
Solidarität mit der Iranischen Revolution - Frankfurt/Mainz
Iranian Voices in Frankfurt
Bramsh - Voice of Balochistan Women
International Iranian Physicians and Healthcare Providers Association (IIPHA)
Aktion für Menschenrechte
Simorgh; Centre socio-culturel des Iraniens de Québec
Free Human Association
Iranian Healthcare Association for Democracy and Human Rights
Nemiran Center
Women’s Independence and Sustainable Equality (WISE)
Stop Child Executions (SCE)
Hanai Rojhelat
Alborz, Paris - collectif en soutien au soulèvement "Femme, Vie, Liberté", France
Transnational Community Federation
HÁWAR.help Organization
Norsk Iransk Råd
SolidIran Association
Minnesota 4Iran
Ensemble pour l’Iran
Centre Zagros pour les Droits de l’Homme
Kurdistan Human Rights Reporters Center
Iransk Solidaritetsforum
Woman-Life-Freedom, Melbourne
Feminista Bonn
Justice Supporters Association
International Women in Power
Alliance Path for Iran (API)
Volunteer Doctors of Kurdistan
Rev Group Iran
Frau Leben Freiheit Darmstadt
Rojhalat Women Organisation

https://iranhr.net/en/articles/6637/
https://hengaw.net/en/news/2024/04/article-26

(Fonte: IHR)

Altre news:
MALESIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN 33 ANNI DI CARCERE
NAPOLI: 28 MAGGIO 'LA COSTITUZIONE, LA CONDIZIONE CARCERARIA E LA DESERTIFICAZIONE AFFETTIVA'
INDIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA VICINA 71ENNE
IL REGIME DEI MULLAH DIVORA CORPI UMANI
LA SMANIA DEI LEGISLATORI: PUNIRE, PUNIRE, PUNIRE
IRAN - Respinto ricorso del condannato a morte ebreo Arvin Ghahremani
IRAN - Soraya Mohammadi giustiziata a Karaj il 24 aprile
SIRIA: TRE CONDANNE A MORTE PER GLI OMICIDI DI UN ATTIVISTA E DI SUA MOGLIE
EGITTO: INSEGNANTE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN LICEALE
‘LEGGE E ORDINE’ NELLE CARCERI: SORVEGLIARE E PUNIRE
USA - Texas. Un detective: “Non c'è stato alcun crimine nel caso di Robert Roberson”
SOMALIA: UN CONDANNATO A MORTE E TRE AL CARCERE PER LEGAMI CON AL-SHABAB
MALESIA: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN 40 ANNI DI CARCERE IN UN CASO DI TRIPLICE OMICIDIO
BAHRAIN: IL RE GRAZIA PIÙ DI 1.500 DETENUTI
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMESSO
SOMALIA: RILASCIATI SEI MAROCCHINI CHE ERANO STATI CONDANNATI A MORTE
IRAQ: QUASI 100 CONDANNE CAPITALI E ALL’ERGASTOLO PER DROGA TRA 2023 E 2024
IRAN - Dissidente esprime gioia per la morte di Raisi
USA - Pubblicate, contemporaneamente, le ultime 5 edizioni di "Death Row USA"
Regno Unito - Insufficienti le garanzie USA par l'estradizione di Julian Assange
IRAN - La morte di Raisi non significa la chiusura del caso sui suoi crimini
IRAN - NCRI: la morte di Raisi assesta un colpo strategico a Khamenei
USA - Alabama. Il procuratore distrettuale interviene a sostegno di Toforest Johnson
IRAN - Hatem Ozdemir nuovamente condannato a morte
IRAN - Fardin Musazadeh e Mehdi Khadem giustiziati ad Ardebil il 19 maggio
‘COMPRESENZA’
IRAN - 4 uomini giustiziati a Shiraz il 19 maggio
IRAN - 4 donne premio Nobel per la Pace chiedono di porre fine alla serie di esecuzioni in Iran
ARABIA SAUDITA: SCIITA GIUSTIZIATO PER MINACCIA ALLA SICUREZZA NAZIONALE
IRAN - Ramin Saadat giustiziato a Miandoab il 18 maggio

1 2 3 4 [Succ >>]
2024
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2023
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
Convegno a Spoleto
  IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa  
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits