Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Tarek Aziz
Tarek Aziz
ITALIA: MOZIONE CONTRO L'ESECUZIONE DI TAREK AZIZ

27 ottobre 2010: quello che segue è il testo di una mozione che da ieri i deputati e senatori Radicali promuovono in Parlamento.
 
Mozione su pena di morte nei confronti di Tarek Aziz
 
La Camera, il Senato
 
Premesso che:
 
L’ex vice presidente iracheno Tareq Aziz è stato condannato a morte mediante impiccagione dall’Alta corte penale di Baghdad insieme all’ex ministro dell’Interno, Saadun Shaker, e all’ex segretario personale di Saddam Hussein, Abdel Hamid Hamud.
 
La sentenza riguarda uno dei sette processi nei quali è imputato Tareq Aziz, quello sulla campagna avviata dal regime di Saddam Hussein negli anni Ottanta contro i partiti politici sciiti filo-iraniani, che ha visto in quegli anni eseguire una serie di arresti e di condanne a morte nei confronti dei principali esponenti sciiti.
 
Considerato che:
 
non può esservi impunità per i crimini compiuti dal deposto regime iracheno e che i crimini di cui Tarek Aziz è imputato insieme ad altri rappresentano violazioni gravi dei diritti umani per le quali non vi può essere nessuna immunità, ciò nonostante il sistema penale iracheno nel suo insieme non può non tener conto però delle regole internazionali e, in particolare, dei principi fissati per i tribunali penali internazionali, i quali escludono il ricorso alla pena di morte;
 
il processo nei confronti di Tarek Aziz e gli altri suoi coimputati non pare sia stato condotto nel pieno rispetto di tutte le garanzie internazionalmente riconosciute di imparzialità e equità, apparendo invece l’azione giudiziaria più come la giustizia dei vincitori sui vinti o la vendetta delle vittime nei confronti del loro carnefice;
 
due anni fa, proprio contro la condanna a morte di Tarek Aziz, centinaia di Parlamentari di tutti gli schieramenti politici, Premi Nobel e personalità di tutto il mondo, avevano sottoscritto l’Appello internazionale Moratoria Universale sulla pena di morte, anche per Tareq Aziz promosso da “Nessuno Tocchi Caino” e dal Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito per chiedere la difesa del diritto e della verità, della legalità e della giustizia in Iraq;
 
nel succitato appello internazionale viene esplicitamente sottolineato che “evitare la condanna a morte e l’esecuzione di Tareq Aziz, che rischiano di avvenire senza che vi sia stato un processo degno di questo nome, potrebbe segnare una evidente soluzione di continuità rispetto a metodi e pratiche in voga ai tempi di Saddam, oltre che assicurare verità e giustizia a tutte le vittime del suo regime, non solo quelle per cui Aziz è oggi sotto processo”;
 
pertanto, appare di fondamentale importanza garantire la vita a un testimone chiave per aiutare nella ricostruzione della verità storica sulle responsabilità del regime e sugli accadimenti che hanno caratterizzato la storia irachena fino alla guerra;
impiccando un altro testimone eccellente, l’Iraq rischierebbe di ripetere il tragico errore già commesso con Saddam Hussein, impedendo l’accertamento della verità, che costituisce un diritto fondamentale e un interesse inalienabile della collettività umana, tanto più prezioso se si considera l’elevato prezzo pagato dall’umanità in termini di vite umane e sofferenze;
 
su questi obiettivi, dal 2 ottobre scorso Marco Pannella ha ripreso il suo Satyagraha con uno sciopero della fame che, il 26 ottobre, alla notizia della condanna a morte di Tarek Aziz, è passato a quello anche della sete perché non si passi alla sua esecuzione.
 
Impegna il Governo
 
A intervenire con urgenza nei confronti delle autorità irachene perché sia evitata l’esecuzione di Tarek Aziz e dei suoi coimputati, coerentemente con la straordinaria iniziativa nonviolenta, parlamentare, istituzionale e di opinione pubblica che il 18 dicembre 2007 ha portato allo storico risultato dell’approvazione della Moratoria Universale della pena di morte da parte dell’Assemblea Generale dell’ONU.
 
A chiedere alle autorità irachene di reintrodurre la moratoria sulla pena di morte stabilita in Iraq dopo la caduta di Saddam Hussein, al fine di rafforzare il completamento della transizione democratica dell’Iraq secondo i principi di uno stato di diritto. (Fonti: NtC, 27/10/2010)

Altre news:
IRAN: TRE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE IN PROVINCIA FARS
IRAQ: AZIZ; FRATTINI, PRONTO A ANDARE CON PANNELLA A BAGHDAD
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER OMICIDIO TASSISTA
ITALIA: COMMISSIONE ESTERI, GOVERNO INTERVENGA SU AZIZ
MISSISSIPPI (USA): CONDANNA A MORTE ANNULLATA
INDIA: CORTE SUPREMA, PENA DI MORTE PER OMICIDI LEGATI A DOTE
MALESIA: PENA DI MORTE PER TRAFFICO DI CANNABIS
ITALIA: SI’ CAMERE RICHIESTA STOP PENA MORTE TAREQ AZIZ
IRAN: IMPICCATI 5 TRAFFICANTI DI DROGA A TEHERAN
PANNELLA: SCIOPERO DELLA FAME E DELLA SETE CONTRO ESECUZIONE TAREQ AZIZ
IRAN: ESECUZIONE PER ‘ATTI IMMORALI’
ARIZONA (USA): GIUSTIZIATO JEFFREY LANDRIGAN
IRAQ: TAREQ AZIZ CONDANNATO A MORTE
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATI DUE PAKISTANI
PROVINCIA ROMA: APPROVATA MOZIONE SOSTEGNO ‘NESSUNO TOCCHI CAINO’
TAIWAN: CONDANNATA A MORTE PER OMICIDI TRE TAXISTI
KENYA: DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO PRETE ITALIANO
SUDAN: 10 CONDANNATI A MORTE, INCLUSI 4 MINORI
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO LARRY WOOTEN
EAU: PENA DI MORTE COMMUTATA
MAURITANIA: CONDANNATI A MORTE TRE MILITANTI INTEGRALISTI
IRAN: CURDO CONDANNATO A MORTE PER SPIONAGGIO
IRAN: FRUSTATE E AMPUTAZIONI
YEMEN: CONDANNATO A MORTE PER TERRORISMO
KENYA: CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO PARENTE
IRAN: TRE IMPICCATI AD AHVAZ
INDONESIA: PRESIDENTE CORTE COSTITUZIONALE, NECESSARIA PENA DI MORTE PER CORRUZIONE
GHANA: AL PATIBOLO PER OMICIDIO
GUYANA: ABOLITA PENA DI MORTE OBBLIGATORIA
GIAPPONE: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE

1 2 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits