Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: UN RITORNO DELLA PENA DI MORTE?

14 novembre 2016: un editoriale della CNN dal titolo “Un ritorno della pena di morte?” riassume senza drammatizzare le battute di arresto del fronte abolizionista nella tornata elettorale della scorsa settimana. Questo è il testo dell’editoriale.
Dopo anni in cui la pena di morte è stata in declino sia nel suo utilizzo all’interno degli stati sia nel gradimento tra i cittadini, le elezioni dell’8 novembre hanno ridato speranza ai favorevoli alla pena di morte.
I risultati delle consultazioni in California, Oklahoma e Nebraska, e la stessa elezione di Donald Trump, sembrano il preavviso di una nuova stagione per la pena di morte. Ma i motivi per contrastare la pena di morte rimangono validi, e le probabilità che si continui a progredire in direzione dell’abolizione rimangono alte.
Per i pro-morte il colpo più importante sembra l’elezione di Trump, che è un fautore entusiasta della massima punizione. Nel dicembre 2015, in un incontro con una associazione di beneficienza della polizia del New England, aveva detto che avrebbe emesso un ordine esecutivo (l’equivalente di un decreto legge in Italia, che però ha valore solo nel sistema federale e non nei singoli stati. In questo caso sarebbe praticamente una raccomandazione al Ministero della Giustizia di chiedere la pena di morte nei casi federali. NdT) perché la pubblica accusa federale persegua “in maniera molto forte” la pena di morte per chiunque sia condannato per l’omicidio di un poliziotto.
L’elezione di Trump probabilmente darà un colpo di freno al recente invito del giudice della Corte Suprema Stephen Breyer a prendere in considerazione non solo i singoli aspetti “tecnici” della pena di morte ma il concetto di pena di morte in sé. Come è noto, dopo la morte di Antonin Scalia (13 febbraio 2016), attualmente manca uno dei 9 membri della Corte Suprema. Il 16 marzo il Presidente Obama ha nominato il nuovo membro, Merrick Garland, già presidente della Corte d’Appello del Distretto di Columbia.
Le nomine alla Corte Suprema devono essere confermate dal Senato, che in questa legislatura è a forte maggioranza repubblicana, e lo sarà anche nella prossima legislatura, che inizierà il 3 gennaio 2017. Se entro quella data il Senato non avrà approvato la nomina di Garland, sarà Trump a scegliere un nuovo candidato, ed è molto probabile che avrebbe posizioni meno moderate del candidato che era stato scelto da Obama.
Anche le notizie provenienti dai singoli stati non sono positive. In California gli elettori hanno dato un doppio colpo all’abolizione: l’hanno respinta con il referendum 62, che ha perso 54/46%, e hanno invece approvato, seppure di stretta misura (51/49%) il referendum 66 che limita le possibilità di ricorso dei condannati con l’intento dichiarato di velocizzare le esecuzioni.
La legge prevista dal referendum 66 costituirà corti specializzate nel trattare i ricorsi dei condannati a morte, obbligherà gli avvocati d’ufficio che vogliono seguire i casi normali ad accettare anche quelli “capitali” se richiesti (e se giudicati sufficientemente qualificati dal giudice che presiede il processo), e disporrà che una parte dei ricorsi contro la sentenza di primo grado venga gestita direttamente dalla corte di primo grado, e non più da quella d’appello. Contro queste norme, che sembrano presentare diversi aspetti al limite della costituzionalità, sarà verosimilmente presentata una lunga serie di ricorsi, ma intanto questo è quanto uscito dalle urne in California. In Nebraska gli elettori con un margine 61/39% hanno reintrodotto la pena di morte un anno dopo che il parlamento aveva votato per abolirla. In Oklahoma votando il referendum 776 con un margine del 66% gli elettori hanno accettato che la pena di morte venisse inserita nella costituzione dello stato, rendendo quindi più difficile l’eventuale decisione di una corte che volesse mettere in discussione i profili di costituzionalità della legge capitale dello stato. Gli elettori dell’Oklahoma hanno inoltre accettato che venga considerato legale qualsiasi metodi di esecuzione “a meno che non sia espressamente vietato dalla Costituzione degli Stati Uniti”. Anche questo aspetto ovviamente non è definitivo, ma certo indica che in Oklahoma non è verosimile che la pena di morte possa essere abolita in tempi rapidi.
Ma nonostante queste vittorie elettorali, è molto improbabile che il trend abolizionista si interrompa. I temi cari agli abolizionisti, grazie al loro inserimento nella contesa elettorale, hanno avuto un più ampio accesso ai media, e argomenti come l’alto costo delle procedure capitali, le molte decine di processi che a distanza di tempo si sono dimostrati sbagliati, e la difficoltà a trovare un modo civile e affidabile per compiere le esecuzioni sono tutte questioni che rimangono, e che non possono essere accantonate facilmente.
La forza di queste contestazioni, concrete e non solo ideologiche, hanno indotto anche i favorevoli della pena di morte a moderare le loro posizioni. La validità delle argomentazioni abolizioniste si rileva non solo dal numero di stati che nell’ultimo decennio hanno abolito la pena di morte, ma dalla fortissima riduzione delle condanne a morte emesse negli ultimi anni in tutti gli Stati Uniti: erano state 315 nel 1996, e sono state solo 49 nel 2015. Anche le esecuzioni sono fortemente diminuite, erano state 98 nel 1999, e l’anno scorso sono state solo 28.
Questi grandi cambiamenti sono la conseguenza di una attenzione non più solo morale o filosofica al tema, ma di una attenzione che si è fatta pratica e concreta a come la pena di morte in effetti funzioni. I recenti risultati elettorali non precludono prese di posizione come quella con cui l’allora governatore dell’Illinois Pat Quinn nel 2011 ratificò l’abolizione della pena di morte e che si rifanno ai valori correnti del Nord America: “Sono giunto alla conclusione che il nostro sistema capitale ha dei difetti intrinseci che ormai sappiamo, per esperienza, non possono essere eliminati, e non c’è modo di disegnare un modo perfetto di emettere condanne a morte, un sistema che ponga al riparo da rischi di condanne sbagliate, o da comportamenti discriminatori. Sono giunto alla conclusione che la cosa giusta da fare è abolirla”. E se anche non sono riusciti a convincere gli elettori della California, del Nebraska e dell’Oklahoma, gli oppositori della pena di morte hanno compiuto progressi sostanziali nell’opinione pubblica. Un sondaggio Pew su base nazionale del 2015 ha stimato un 71% di cittadini che ritengono che ci sia “un qualche margine di rischio che un innocente venga giustiziato”, e che solo il 26% dei cittadini ritiene che il sistema giudiziario sia configurato in modo che questo non possa avvenire. Lo stesso sondaggio contò un 52% di persone che ritenevano che a parità di reato gli appartenenti a minoranze razziali hanno maggiori probabilità dei bianchi di venir condannati a morte. A causa di questi rischi di errore giudiziario e di discriminazione razziale, il sondaggio dava un 42% di persone contrarie alla pena di morte, la percentuale più alta da quando la pena di morte fu dichiarata (momentaneamente) incostituzionale nel 1972.
I risultati elettorali della scorsa settimana ci ricordano che la pena di morte continua ad avere un forte valore simbolico e populista, ma questo non lascia presagire che le sue fortune complessive possano migliorare. Gli abolizionisti rimarranno all’offensiva, e l’America ha ancora l’aria di essere sulla via per l’abolizione. (Fonti: CNN, 14/11/2016)

Altre news:
MALESIA: PADRE DI CINQUE FIGLI CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATA PER L’OMICIDIO DEL MARITO
SINGAPORE: DUE ESECUZIONI PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: UN’ALTRA CONDANNA A MORTE PER IL MASSACRO DI SENARI
LA TERZA COMMISSIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE DELL'ONU HA APPROVATO LA RISOLUZIONE PER LA MORATORIA DELLA PENA DI MORTE: SERGIO D'ELIA A RADIO RADICALE
ONU: IL KENYA PRENDA IN CONSIDERAZIONE L'ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
GEORGIA (USA): GIUSTIZIATO STEVEN FREDERICK SPEARS
PROIEZIONE DEL DOCUFILM ‘SPES CONTRA SPEM’ NEL CARCERE DI SECONDIGLIANO
BANGLADESH: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
INDIA: 10 CONDANNATI A MORTE PER IL MASSACRO DI SENARI
CINA: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DEL CAPO-VILLAGGIO
EGITTO: ANNULLATA LA CONDANNA A MORTE DELL’EX PRESIDENTE MORSI
INDONESIA: PAKISTANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: NOVE GIUSTIZIATI PER OMICIDIO E DROGA
NIGERIA: IL GOVERNATORE DI EDO COMMUTA QUATTRO CONDANNE A MORTE IN ERGASTOLO
CONCLUSA IN SWAZILAND LA MISSIONE AFRICANA DI NESSUNO TOCCHI CAINO
GIAPPONE: GIUSTIZIATO AUTORE DI DUE OMICIDI
IRAN: SEI ESECUZIONI, INCLUSA UNA IN PUBBLICO
KUWAIT: I SEDICENNI POTRANNO ESSERE CONDANNATI A MORTE
IRAN: DUE IMPICCATI PER OMICIDIO E STUPRO
USA: 3 RISULTATI NEGATIVI E UNO POSITIVO PER IL MOVIMENTO ABOLIZIONISTA
CINA: CONDANNATO A MORTE CON DUE ANNI DI SOSPENSIONE PER ESPLOSIONI NEL MAGAZZINO
NESSUNO TOCCHI CAINO: PROSEGUE LA MISSIONE IN AFRICA A SOSTEGNO DELLA MORATORIA ONU
IN NEBRASKA E CALIFORNIA VOTO FAVOREVOLE ALLA PENA DI MORTE
IRAN: LE AUTORITÀ APPLICANO LA PENA DELL’OCCHIO PER OCCHIO
IRAN: DUE ESECUZIONI NEL CARCERE DI QORVEH
NIGERIA: OTTUAGENARIO E ALTRI TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
ITALIA: È MORTO UMBERTO VERONESI, SCIENZIATO E ABOLIZIONISTA SULLA PENA DI MORTE E SULL’ERGASTOLO
EGITTO: DUE CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
IRAN: CINQUE IMPICCAGIONI A RASHT E KHORRAMABAD

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits