Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il presidente keniota Uhuru Kenyatta
Il presidente keniota Uhuru Kenyatta
ONU: IL KENYA PRENDA IN CONSIDERAZIONE L'ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE

17 novembre 2016: al Kenya è stato chiesto di prendere in considerazione l'abolizione della pena di morte in quanto non compatibile con i principi fondamentali dei diritti umani, in particolare con la dignità umana, diritto alla vita e divieto di tortura o altri trattamenti crudeli.
Il Coordinatore Residente delle Nazioni Unite in Kenya Siddharth Chatterjee ha detto che se la pena di morte fosse abolita in questo Paese, il resto dell'Africa probabilmente seguirebbe l'esempio.
“Per noi, il Kenya è un faro di speranza considerata la condizione di fragilità che abbiamo visto nella regione. Abbiamo bisogno di un Kenya che sia davvero il paradigma dei diritti umani, il paradigma della misericordia, dell'inclusione e, soprattutto, il paradigma di uguaglianza in cui siano rispettati i diritti di donne e bambini. Questo sta realmente accadendo. Il cambiamento sta avvenendo in Kenya", ha dichiarato.
"Qualunque cosa accada qui avrà un effetto a catena sugli Stati vicini."
Chatterjee  ha applaudito il Presidente Uhuru Kenyatta per la recente decisione di commutare nel Paese tutte le condanne a morte in ergastolo, definendola una mossa buona.
Circa 2.747 detenuti del braccio della morte, dei quali 2.655 maschi e 92 femmine, stanno ora scontando l’ergastolo a seguito della direttiva del presidente Kenyatta.
L'ultima commutazione di condanna a morte in ergastolo fu decisa nel 2009 dall'allora presidente Mwai Kibaki.
"Notevoli progressi sono stati compiuti verso l'abolizione universale della pena di morte negli ultimi anni. Attualmente circa 170 Stati membri delle Nazioni Unite hanno abolito la pena di morte o non la praticano più", ha detto Chatterjee. "Più di recente, sette Stati hanno abolito la pena di morte per tutti i reati."
Chatterjee ha citato recenti osservazioni da parte del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon, che ha detto: "Resto convinto che non ci sia posto per la pena di morte nel ventunesimo secolo."
"Accogliamo con favore il fatto che, nonostante il Kenya abbia la pena di morte nelle sue leggi, non abbia effettuato alcuna esecuzione da circa tre decenni", ha aggiunto.
L'ultima esecuzione in Kenya è stata effettuata nel 1987.
"Ci auguriamo che il governo del Kenya risponderà all’invito del Segretario generale adottando ulteriori misure per passare dalla attuale moratoria de facto verso la completa abolizione", ha detto il Coordinatore Onu in Kenya. Ha aggiunto che il Kenya dovrebbe dare seguito alla recente commutazione di massa e lavorare all'istituzione di una moratoria ufficiale sulla pena di morte, che miri alla sua completa abolizione per tutti i reati.
Chatterjee ha citato inoltre un recente rapporto all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite secondo cui non esiste alcuna prova che "la pena di morte sia un deterrente per il crimine più di altre forme di punizione."
"Non è la severità della pena che scoraggia i trasgressori, ma la sua certezza."
Per contenere il crimine, l'ONU ha raccomandato che l'attenzione venga incanalata verso il sistema della giustizia, garantendone la conformità con il diritto internazionale sui diritti umani.
La presidente della Commissione nazionale per i diritti umani del Kenya, Kagwiria Mbogori, da parte sua ha detto che la pena di morte deve essere abolita dal momento che il sistema giudiziario del Kenya è ancora affetto da corruzione e inefficacia, che rendono vulnerabili gli accusati innocenti.
Le precedenti dichiarazioni sono state rese durante un seminario di due giorni sulla valutazione dell’atteggiamento pubblico verso la pena di morte in Kenya.
"La pena di morte ha un forte impatto fisico e psicologico sui detenuti e sulle loro famiglie, equivalente a tortura e trattamenti crudeli, inumani e degradanti ai sensi del diritto internazionale", ha detto Mbogori.
Secondo Mbogori inoltre è ancora più costoso mantenere detenuti nel braccio della morte "poiché la maggior parte dei governi sono riluttanti a giustiziare condannati a morte." (Fonti: capitalfm.co.ke, 17/11/2016)

Altre news:
MALESIA: PADRE DI CINQUE FIGLI CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
LA TERZA COMMISSIONE DELL'ASSEMBLEA GENERALE DELL'ONU HA APPROVATO LA RISOLUZIONE PER LA MORATORIA DELLA PENA DI MORTE: SERGIO D'ELIA A RADIO RADICALE
SINGAPORE: DUE ESECUZIONI PER TRAFFICO DI DROGA
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATA PER L’OMICIDIO DEL MARITO
INDIA: UN’ALTRA CONDANNA A MORTE PER IL MASSACRO DI SENARI
BANGLADESH: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
PROIEZIONE DEL DOCUFILM ‘SPES CONTRA SPEM’ NEL CARCERE DI SECONDIGLIANO
GEORGIA (USA): GIUSTIZIATO STEVEN FREDERICK SPEARS
CINA: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DEL CAPO-VILLAGGIO
INDIA: 10 CONDANNATI A MORTE PER IL MASSACRO DI SENARI
EGITTO: ANNULLATA LA CONDANNA A MORTE DELL’EX PRESIDENTE MORSI
USA: UN RITORNO DELLA PENA DI MORTE?
INDONESIA: PAKISTANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: NOVE GIUSTIZIATI PER OMICIDIO E DROGA
CONCLUSA IN SWAZILAND LA MISSIONE AFRICANA DI NESSUNO TOCCHI CAINO
NIGERIA: IL GOVERNATORE DI EDO COMMUTA QUATTRO CONDANNE A MORTE IN ERGASTOLO
GIAPPONE: GIUSTIZIATO AUTORE DI DUE OMICIDI
IRAN: DUE IMPICCATI PER OMICIDIO E STUPRO
KUWAIT: I SEDICENNI POTRANNO ESSERE CONDANNATI A MORTE
IRAN: SEI ESECUZIONI, INCLUSA UNA IN PUBBLICO
USA: 3 RISULTATI NEGATIVI E UNO POSITIVO PER IL MOVIMENTO ABOLIZIONISTA
IRAN: LE AUTORITÀ APPLICANO LA PENA DELL’OCCHIO PER OCCHIO
IN NEBRASKA E CALIFORNIA VOTO FAVOREVOLE ALLA PENA DI MORTE
CINA: CONDANNATO A MORTE CON DUE ANNI DI SOSPENSIONE PER ESPLOSIONI NEL MAGAZZINO
NESSUNO TOCCHI CAINO: PROSEGUE LA MISSIONE IN AFRICA A SOSTEGNO DELLA MORATORIA ONU
IRAN: DUE ESECUZIONI NEL CARCERE DI QORVEH
ITALIA: È MORTO UMBERTO VERONESI, SCIENZIATO E ABOLIZIONISTA SULLA PENA DI MORTE E SULL’ERGASTOLO
NIGERIA: OTTUAGENARIO E ALTRI TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO: DUE CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
IRAN: CINQUE IMPICCAGIONI A RASHT E KHORRAMABAD

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits