Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

CINA: A RISCHIO 109 UIGURI RIMPATRIATI DALLA THAILANDIA

9 luglio 2015: la Thailandia ha rimpatriato oltre 100 uiguri in Cina, ignorando la persecuzione che questa minoranza etnica subisce da parte del governo cinese, mentre manifestanti in Turchia, Paese che ha accettato in precedenza un altro gruppo di rifugiati uiguri, hanno saccheggiato il Consolato thailandese.
Un portavoce del governo, il Gen. Magg. Verachon Sukhonthapatipak ha detto che la Thailandia ha avuto rassicurazioni da parte delle autorità cinesi in merito alla sicurezza dei 109 uiguri.
Tuttavia a Pechino la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying ha detto che la Cina prenderà provvedimenti contro coloro che sono sospettati di aver violato la legge.
Il gruppo era rimasto in Thailandia per oltre un anno, insieme ad altri che erano fuggiti dalla Cina e affermavano di essere cittadini turchi, ha detto Verachon. Le autorità thailandesi hanno cercato di verificare le loro nazionalità prima di trasferirli, ha aggiunto.
"Abbiamo scoperto che circa 170 di loro erano turchi, così di recente sono stati inviati in Turchia", ha detto. "E circa 100 erano cinesi, così sono stati inviati in Cina a partire da questa mattina, con l'accordo che la loro sicurezza è garantita secondo i principi umanitari".
Gli Uiguri sono una minoranza musulmana di lingua turca nella regione occidentale cinese dello Xinjiang. La minoranza subisce una repressione culturale e religiosa nonché l’emarginazione economica sotto il dominio cinese. L'ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati si è detto "scioccato”, ritenendo l'azione della Thailandia "una flagrante violazione del diritto internazionale".
"Esorto vivamente le autorità thailandesi ad esaminare la questione e mi appello alla Thailandia affinché onori i suoi obblighi internazionali fondamentali," ha detto in un comunicato Volker Türk, Assistente Alto Commissario per la Protezione dell’UNHCR. Türk ha aggiunto che queste deportazioni violano il diritto alla protezione rispetto al rimpatrio in un Paese in cui la persona ha motivo di temere persecuzioni, ed è stato descritto dall’UNHCR come "la pietra angolare dell’asilo e del diritto internazionale dei rifugiati."
L'Agenzia delle Nazioni Unite ha detto di aver più volte sollevato la questione dei profughi uiguri con il governo thailandese, e "in risposta, all'agenzia è stata data assicurazione che la questione sarebbe stata trattata in conformità con le norme giuridiche internazionali, e che il gruppo avrebbe continuato a ottenere protezione."
La posizione della Cina è che gli uiguri hanno lasciato il Paese illegalmente.
"I dipartimenti competenti cinesi porteranno coloro che sono sospettati di gravi crimini davanti alla giustizia, secondo la legge", ha detto Hua Chunying ai giornalisti. "Quanto a coloro che non sono sospettati di aver commesso crimini o che commettono reati minori, li tratteremo in maniera adeguata". In Turchia, che ha legami culturali con gli uiguri e ha accettato di prendere altri 170 profughi nonostante le obiezioni della Cina, manifestanti uiguri hanno preso d'assalto e vandalizzato il Consolato thailandese a Istanbul. L'ufficio è stato chiuso il 9 luglio.
I manifestanti sventolavano bandiere uigure e hanno tolto la bandiera thailandese, fracassato finestre, quadri e mobili all'interno del consolato. La polizia ha permesso a circa 100 dimostranti di pregare davanti al consolato prima di portare via nove di loro per interrogarli.
L'Ambasciata di Thailandia ha emesso un comunicato esortando i propri cittadini in Turchia di stare in allerta per "espressioni di insoddisfazione rispetto al trattamento da parte della Thailandia degli uiguri che sono entrati illegalmente nel Paese."
Ha inoltre consigliato alle guide turistiche di non esporre la bandiera thailandese durante viaggi in Turchia e ha invitato i thailandesi ad evitare eventuali zone in cui si verificano proteste.
Per il Congresso Mondiale Uiguro, organizzazione con sede in Germania, le persone rimpatriate potrebbero affrontare accuse penali e punizioni dure, anche l’esecuzione capitale, sotto l’opaco sistema giudiziario della Cina - ragioni principali per cui sono fuggiti dalla Cina. La Cina accusa i separatisti uiguri di terrorismo nello Xinjiang, dove la violenza etnica ha provocato centinaia di morti negli ultimi due anni. (Fonti: AP, 09/07/2015)

Altre news:
BANGLADESH: CONDANNATO A MORTE PER CRIMINI DI GUERRA
MAURITANIA: DUE CONDANNE A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
USA: PRESIDENTE OBAMA VISITA UN CARCERE FEDERALE, NEI GIORNI PRECEDENTI AVEVA PROPOSTO RIFORME IN DIREZIONE GARANTISTA E FIRMATO 46 PROVVEDIMENTI DI CLEMENZA
INDIA: CONDANNA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA RAGAZZINA
TRINIDAD: PRIVY COUNCIL RIFIUTA DUE COMMUTAZIONI
ZAMBIA: IL PRESIDENTE EDGAR LUNGU SVUOTA IL BRACCIO DELLA MORTE
ZAMBIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DEI FIGLI
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN EX MAGISTRATO
ISRAELE: LA KNESSET RESPINGE DDL SULLA PENA DI MORTE PER I TERRORISTI
ZIMBABWE: COMMUTAZIONE PER L’ULTIMA DONNA NEL BRACCIO DELLA MORTE
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO DURANTE IL RAMADAN
MISSOURI (USA): GIUSTIZIATO DAVID ZINK
BELIZE: ANCHE L’ULTIMO PRIGIONIERO LASCIA IL BRACCIO DELLA MORTE
EAU: DONNA FUCILATA PER TERRORISMO
USA: OBAMA COMMUTA SENTENZE DI 46 CONDANNATI PER REATI NON VIOLENTI, COMPRESI CONDANNATI ALL’ERGASTOLO PER DROGA
INDIA: PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE LEGISLATIVA, ‘LA PENA DI MORTE È PRIVILEGIO DEI POVERI’
ISRAELE: NETANYAHU BLOCCA PENA DI MORTE PER I TERRORISTI
COREA DEL NORD: MEDIA CONFERMANO ESECUZIONE DEL MINISTRO DELLA DIFESA
THAILANDIA: PENA DI MORTE INTRODOTTA NELLA LEGGE ANTI-CORRUZIONE
INDIA: DIBATTITO SULLA PENA DI MORTE IN COMMISSIONE LEGISLATIVA
EGITTO: 464 CONDANNE A MORTE NEL PRIMO ANNO DI PRESIDENZA AL-SISI
INDIA: EX PRESIDENTE KALAM FAVOREVOLE ALL’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
EGITTO: 14 FRATELLI MUSULMANI CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
ILLINOIS (USA): EX GOVERNATORE GEORGE RYAN FONDA ASSOCIAZIONE ABOLIZIONISTA
IRAQ: 24 CONDANNATI A MORTE PER LE UCCISIONI DI SPEICHER
KENYA: ISLAMISTA CONVERTITO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE
COREA DEL NORD: DIRETTORE DI UN’AZIENDA D’ALLEVAMENTO GIUSTIZIATO PER LA MORTE DI GIOVANI TARTARUGHE
GHANA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA FIDANZATA
COREA DEL SUD: DDL BIPARTISAN PER L’ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
AFGHANISTAN: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits